I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

12 mesi con Tiziano Scarpa

di Caterina Balducci
| News | Libri e Fumetti | 0 commenti

Intervista a Tiziano Scarpa, autore per noi del racconto "La frottola più forte" (lo puoi leggere sulla nuova Smemo-agenda). Con un augurio speciale per l’anno nuovo (meglio portarsi avanti!)

Smemoranda 12 mesi

Tiziano Scarpa

- Il libro che ti ha cambiato la vita, se esiste.
A 14 anni mi impressionarono molto Siddartha di Hermann Hesse, Tropico del Cancro di Henry Miller e Tonio Kröger di Thomas Mann.

- Il libro che non ti ha cambiato la vita, anche se forse avrebbe dovuto...
Non ho mai capito come faccia a piacere così tanto Il giovane Holden di Salinger.

- Sei d’accordo con Pennac (Come un romanzo) sul diritto del lettore di non finire un libro?
Sì, ma mi sembra ovvio. È strano, siamo liberi, di leggere e di non leggere, di vivere e di non vivere, di obbedire e di non obbedire, ma non lo sappiamo mai abbastanza, abbiamo sempre bisogno di qualcuno che ce lo ricordi.

- Il posto più strano dove hai scritto.
Sul seggiolino di una teleferica. Bello avere paura di perdere penna e quaderno in fondo all’abisso che stai descrivendo.

- L’orario preferito per scrivere.
Notte fonda, quell’ora tra l’ultima persona che è andata a letto e la prima che si alza.

- Inchiostro o tastiera?
Stilografica per appunti e diario, tastiera per romanzi e poesie.

- Carta o digitale?
La carta mi piace sporcarla con sottolineature e annotazioni, mi dà il senso che di là ci sono passato, che ho avuto un’esperienza. Leggo anche qualche ebook, per adesso quelli non troppo lunghi.

- Facebook o Twitter?
Nessuno dei due. Ho avuto facebook per un po’ ma non avevo tempo, mi dispiaceva trascurare le persone e non rispondere, così sono uscito.

- Non potresti mai scrivere senza...
Ogni tanto mi fa piacere una tazzina di caffè.

- Raymond Carver, maestro del racconto, diceva: “Mi piace il fatto che può essere scritto e letto in una sola seduta”, sei d’accordo?
Ha ragione, anche a me piace quando scrivo qualcosa che è come una fiammata, un racconto, una poesia, ci resto dentro dall’inizio alla fine. D’altra parte è difficile portare avanti progetti a lungo termine, tutto oggi tende a durare “una sola seduta”. Perciò io ci tengo molto anche ai progetti a lungo termine. Nella mia vita, scrivere un romanzo è il simbolo del “progetto a lungo termine”.

- Cosa ti piacerebbe portare nel 2013? E cosa lasciare?
La mia ispirazione e la mia pigrizia.

- Un messaggio di auguri per il prossimo anno (chi ben comincia...) per gli/le smemorandiani/e.
Intanto la salute, che uno tende a darla per scontata. Poi auguro il coraggio di essere intraprendenti in tutte le cose, di prendere l’iniziativa invece di subirla.
 
Tiziano Scarpa nato a Venezia nel 1963. Tra i suoi libri Stabat Mater (premio Strega 2009), Le cose fondamentali e la guida Venezia è un pesce. Il più recente è L’infinito.

Tiziano Scarpa
12 mesi
12 mesi con

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement