I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

9 blog freak di cui non si può fare a meno

di Colette Depero
| News | 0 commenti

Irriverenti, geniali e stupidi. Qualcuno li definirebbe hipster, qualcuno dei coup de génie, qualcuno se ne fotte

Sono 9 freak blog che spingono oltre le tendenze e usano tutto il potenziale dei Social Media per comunicare e provocare. Io li potrei tranquillamente definire arte, nella misura in cui questa è anche provocazione (e qui ce ne sarebbe da discutere…). Ma li potrei anche definire str.....ate.

1) Tristegram: l’Instagram della tristezza. Raccoglie oggetti tristi e abbandonati al loro destino.

2) Hipstelmerkel: Angela Merkel in tutte le salse, e non già instagrammata, ma hipstellata (l’altra applicazione di lavorio di foto con effetto vintage). Agli hipster l’austerity non piace. (non sapete che cosa sia l’austerity? Guardate qui)

3) Sapete che c’è la moda del food porn su Instagram? Ovvero che consiste nel fotografare il cibo poco prima di mangiarlo (o di non mangiarlo?). Questo è il blog di Male Chef, ovvero Chris Maggio: uno che ha deciso di spingere. 

4) Miley Cyrus che fa twerking su roba grossa, roba importante. IL blog si chiama “If Miley Cyrus is twerking on it, maybe we should talk about it”. Se Miley Cyrus ci twerka sopra (ovvero fa così: il twerking è quell movimento di sedere che viene particolarmente bene a 1) portoricane 2) nere dal bog ass 3) evidentemente Miley Cyrus, ma io preferisco sempre e comunque Beyoncé).  Chiaramente questo blog è una  provocazione: contrasto tra il pop e la dura realtà delle guerre, della poltiica, della crisi… ecc.

5) Sugar Tits: è americana e scrive per Vice Italia. She’s got really good arguments against il maschio italiano e il maschilismo europeo (ma soprattutto italiano). C’è da sapere l’inglese per capirla. Ci piace, a parte i riferimenti alla magrezza e a un suo passato da magrissima (chissenefrega: a 15 anni siamo tutti magri, e quando non lo siamo più, ma siamo normali, tanto meglio). Twerqa. Il suo blog è questo: fa video e dà consigli d’amore se le scrivete. 

6) Sulla capacità di prendersi un Nobel (in testa però). Sapete che Philip Roth sta a rosica' che non ha vinto il Nobel e non lo vincerà. Ecco, è un blog sul concetto di rosiconeria.

7) I love charts. Gli piacciono I grafici: la vita è tutta un grafico. (è molto o_O)

8) Immancabile Peanuts.

9) C'hai 20 euro. Stupido come la stupidità. La migliore? Questa:

nerd
blog
hipster
Angela Merkel

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement