I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

La differenza la fa il gatto

di Claudio Bisio su Smemoranda 2013 - Friends

Se ci pensate bene, il nostro Paese pullula di questi “amici”. Ora, perdoniamo pure tutti gli allergici, i subdoli, ma gli anemici (cioè quelli privi di nemici), ad esempio? Perché dovrebbero rifuggire i gatti? Io, vi giuro, ho visto un’associazione “Amici dei gatti”. E questa come vogliamo definirla? Una contraddizione in termini? Un ossimoro? O più semplicemente una cagata?
Ora capisco perché la mia ex fidanzata quando le ho comunicato che avrei voluto regalarle un bel soriano mi ha risposto: “No, restiamo amici” fuggendo con il suo istruttore di Pilates.
Ma bando alle facezie, siamo nel 2012. Come potete constatare, Nicola Gut (editore di questa Smemoranda) non ha voluto ascoltare i miei consigli da bocconiano per tagliare i costi di produzione della medesima. E cioè di stampare a fianco della ormai storica sedici mesi una più realistica ed economica undici mesi.
Tanto a dicembre del 2012 secondo le profezie dei Maya finisce il mondo.” “Ma chi l’ha detto?” ha subito interferito Rudi Gut, socio di Nicola e solo da poco scagionato per un caso di quasi omonimia dal ‘caso Meredith’.
“Ma come chi l’ha detto? Lo dicono tutte le profezie dei Maya!” “Senti, bello” irrompe Ma Gut, il mitico fattorino della ben nota casa editrice “non lo sai che i Maya amavano l’enigmistica? Indovinelli, calembour, frasi palindrome e quant’altro?” “E allora?” sbotto io. “E allora prova a fare una semplice crasi di profezie... Cosa vien fuori?” “Gnogna bien tuori?” gli faccio il verso io. “Vien fuori che la storia della fine del mondo, il 20-12-2012, non è una delle profezie dei Maya, ma una delle prozie dei Maya...” “Quindi volete dirmi che è tutto uno scherzo la fine del mondo il 20 dicembre? Nooo! E io che, credendoci, mi ero dato alla pazza vita sottoscrivendo bond pluridecennali fottendomene del default, del tasso di rischio, ma soprat- tutto dello spread!”.

 

THE END

Advertisement