I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

I cercatori del fiume River

di Enrico Brizzi su Smemoranda 2013 - Friends

La grande nevicata dell’ ’85 aveva trasformato il parco della scuola e, durante la ricreazione, giocai con il Gringo Frascara e Jimmy Stella ai cercatori d’oro dello Yukon. All’inizio lavoravamo come un sol uomo, ma litigammo non appena dalle acque tumultuose del fiume River emerse la prima pepita.
“L’ho vista io, ed è mia!” rivendicò Jim- my, mostrando la scheggia scintillante di selenite che aveva trovato sotto la neve. “Veramente dovremmo andare all’emporio a venderla, e dividere per tre!” lo corresse il Gringo.
“Certo!” lo appoggiai. “La concessione è di tutti e tre!” Allora Jimmy fece il gesto di estrarre la colt dal giaccone. Tenendo il Gringo sotto tiro con l’indice puntato, ordinò: “Mani in alto!” “Mani in alto tu!” replicai, puntandogli addosso le mie due pistole. “Lascia cadere il gingillo, Jimmy, o ti impiombo!” Fece il gesto di spararmi, ma io fui più rapido e gli scaricai addosso entrambe le colt: “Pam-pam! Beccato al cuore!” “Bastardo!” gemette Jimmy lasciandosi cadere nella neve. “Muoio!”
A quel punto dimenticai la prudenza: mi chinai a raccogliere la pepita, e subito il Gringo mi si parò alle spalle. “Io ero cattivissimo” sussurrò, come fosse una scusante valida. “Adesso ti ammazzo, canaglia. Così nessuno tranne me può sapere dov’è l’oro.”
“Sei un traditore!” gli urlai contro, e quello sparò da un palmo di distanza. “Adesso l’oro è tutto mio!” esultò il Grin- go mentre le ginocchia mi cedevano. Raccolse la pepita, si aggiustò il passamontagna e partì al galoppo verso la città di Town, deciso a non svelare a nessuno il suo segreto.
Ero morto, sdraiato sulla neve con gli occhi sbarrati sul cielo bianchissimo dello Yukon. Faceva freddo, ma non era
così male.
“Ohi, amico” sillabò il cadavere che giaceva al mio fianco. “Possiamo anche rialzarci, no?” e in quella riapparve il Gringo.
“Ero diventato ricchissimo!” annunciò, galoppando verso di noi. “Mi ero comprato un ranch!” “Lo inseguiamo?” s’illuminò Jimmy. “Voglio rotolarlo nella neve!” “Riempiamolo fino alle mutande!” approvai, e scattammo all’unisono verso il traditore del fiume River.

THE END

Advertisement