I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Due sogni al telefono

di Antonio Albanese su Smemoranda 2012 - Dream

Il tipo che mi anima deve essere un perverso.

Cioè?

Mi trascina da una casa all’altra con vicine di casa di tutte le età anche se, da quello che ho capito, lui predilige le… diciamo (mature maggiorate) con corpi abbondanti, spesso sembrano delle istallazioni. Ha una fantasia erotica spaventosa e a tratti illegale, sono costretto il più delle volte a svegliarlo perché io stesso mi vergogno a gestire l’azione che mi costringe a fare.

Cioè?

E cioè cioè… innanzitutto le posizioni: tipo lui sopra ma anche lei sopra.

Impossibile.

Mi è stato affidato sei anni fa circa e ci credi che non ho mai riposato una notte? Ma neanche quella volta che l’avevano sedato per una brutta caduta in moto… niente; lui si è sognato l’infermiera (onestamente molto bella) e sono stato costretto anche quella volta a svegliarlo anche perché a lei finiva il turno – o almeno questa è stata la mia scusa!

Ma chi è?

Si chiama Nicola, ma lo chiamano tutti Nico e lavora per non so che tipo di studio commerciale. Nel sogno ha una vitalità invidiabilissima e ho scoperto, quando straparla, che non è neanche tanto giovane, dovrebbe avere intorno ai 60 65 anni.

Ma non dovrebbe il desiderio sessuale diminuire a una certa età?

Così dicono ma in questo caso direi proprio di no.

Mai un sogno al mare o in montagna, mai un sogno rischioso o condiviso con amici, mai un lancio da un grattacielo o un salto nel vuoto come tutti gli esseri umani, niente di tutto questo! Lui sogna solo rapporti sessuali di ogni genere. Una volta con una sua vicina di casa, che abbiamo aspettato per un mese fuori dal cancello, mi ha costretto, senza vergogna, a baciarla improvvisamente mantenendo con una mano il casco e con l’altra la spesa di lei, vergognandomi come una bestia perché lui nel sogno non ha il mio stesso raggio d’azione. Io riesco a vedere oltre e continuando a baciare ’sta povera donna per delle ore si era formato un gruppo di almeno duemila persone che ci guardavano stimandoci parecchio.

Dico stimandoci anche perché, sostanzialmente, mi sento a tratti di meritarmi anch’io una fetta di soddisfazione: il gioco lo dirigo pur sempre io, con molto rispetto e devozione per il mio signore.

Ma deve essere durissima.

Esatto mi sento sfruttato e poi con una sessualità così spinta rischio di annoiarmi tremendamente.

Ultimamente ha avvertito qualche segnale di stanchezza, ma solo fisica perché con la fantasia cerca sempre l’impossibile… Mah, forse mi licenzio… ho presentato la lettera di licenziamento anche se non è un bel periodo: molti miei colleghi mi dicono che gli esseri umani stanno attraversando un momento di grande confusione.

Sì te lo confermo, tu pensa che io ho animato per anni un tizio che pretendeva di fare i miracoli per questo paese, ma mai un sogno erotico lui… i sogni erotici se li gestiva da solo: pagando.

Advertisement