I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Euryops Pectinatus (Cronache dal futuro)

di Flavio Oreglio su Smemoranda 2005 - M'ama non m'ama

Lei stava aspettando. 
Lui era tornato da pochi giorni dalla missione scientifica "Near" sul pianeta L'Ontanus. 
Obiettivo della spedizione era il recupero dell'ultimo esemplare di Euryops Pectinatus.
La presenza di questa specie floreale era stata rilevata dalla sonda Alfa nel settore Beta del quadrante Gamma della galassia Delta. (Sembra una barzelletta ellenica ma vi assicuro che tutto corrisponde al vero n.d.r.) 
Lei stava aspettando. 
Notte. Lui era seduto nel laboratorio di botanica e stava riflettendo sul suo compito: doveva salvare la specie facendo riprodurre l'ultimo esemplare. Uno scherzo da ragazzi per uno scienziato che aveva tentato gli esperimenti più arditi.... aveva provato a incrociare il pero con il melo ottenendo un pelo, anzi un mero pelo (non commestibile), aveva incrociato il ciliegio con il pesco ottenendo il ciliesco, (della stessa famiglia del pelo).
Niente gli pareva impossibile ma un dubbio lo assaliva: "M'ama o non m'ama?"
Lei stava aspettando.
Lui pensò: "Come porre fine a questo supplizio? Tra l'altro dove sarà il mio Euryops Pectinatus.... eppure l'avevo messo qui" disse preoccupato tra sé e sé frugando nel suo campionario.
Provò a pensare ad altro. 
Trovò sollievo nella serie dei numeri di Fibonacci 0, 1, 1... 2... 3... 5... 8... quasi meglio che contare le pecore, ma non gli bastò... sorrise pensando all'interpretazione goliardica del principio di Archimede (chi piscia corto si piscia sul piede), ma fu solo grazie alla teoria dei tensori che si rilassò (potenza del paradosso).
Il cielo stellato si stava lentamente rischiarando: tra poco sarebbe spuntata l'alba. Il tenue bagliore del primo sole lo sorprese mentre pensava: "M'ama o non m'ama?"
Lei stava aspettando.
" Eppure" pensò lui guardando la luce che si faceva sempre più vivida "Che cos'è l'incertezza?"
Tentò di definirla: "L'incertezza è la mia squadra, l'Inter Galactic Club, che arriva al 90' in vantaggio di due goal ma il quarto uomo segnala due minuti di recupero... l'incertezza è quando passi su di un ponte e vedi che di fianco ne stanno costruendo uno nuovo, l'incertezza è quando il tuo consulente finanziario di Parmapolis ti dice stai tranquillo... l'incertezza sono io, che non trovo più l'Euryops Pectinatus, l'incertezza è lei che mi ha sempre tenuto sulle spine (e per un botanico è il colmo) ....m'ama o non m'ama?
Lei stava aspettando.
Lui prese il coraggio a due mani, chiuse a chiave il laboratorio e si avviò sulla strada della casa di lei.
Prima camminò pensieroso, poi affrettò il passo... alla fine si sorprese a correre: doveva sapere.
Dopo poco la vide: bellissima davanti all'uscio di casa, nelle mani teneva l'esemplare di Euryops Pectinatus (che nell'antichità veniva chiamato più comunemente margherita).
" Guarda," gli disse "Mi mancano solo due petali." 
Lui fissò la corolla quasi spoglia, strabuzzò gli occhi e la mandibola gli cadde a perpendicolo. 
Lei poi aggiunse strappando un petalo alla volta "Non ti amo... ti amo!!!"
Lui le corse incontro, la abbracciò e la baciò appassionatamente, finalmente guarito dalle sue incertezze.
Tutto era bellissimo.
Solo un'ombra passò nei pensieri dello scienziato: "Porca troia! Un viaggio di duecentoventi anni luce andato a puttane!!!"

Advertisement