I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Naima

di Gino Strada su Smemoranda 2005 - M'ama non m'ama

Finalmente riesco a comunicare con Jaqueline. Non ci siamo più visti dal 1991, dai tempi di Kabul. Il suo telefono in Francia aveva squillato a vuoto, ogni volta che ho provato a cercarla.
Jaqueline, the tiger. Credo di averglielo appioppato io quel soprannome, anni prima, un po' per la faccia tonda e i capelli ricci e un po' per il carattere deciso.
Bravissima infermiera, Jaqueline. Aggressiva e dolce al tempo stesso, di quelle che non mollano mai di fronte a situazioni difficili. Era famosa, la tigre, anche per essere sfortunata: ogni volta che era di turno nel pronto soccorso dell'ospedale, i feriti arrivavano a dozzine.
Ci scherzavamo tutti. "Se Jaqueline ti chiama via radio per andare in ospedale, portati il sacco a pelo, potresti star via da casa tre giorni", era una delle battute che circolavano tra noi chirurghi. E il più delle volte purtroppo, anche dimenticando il sacco a pelo per ragioni scaramantiche, finiva proprio così.
Siamo diventati buoni amici io e Jaqueline.
La sera, passavamo spesso le ore libere insieme, a conversare nel soggiorno di casa mia. Poi ha incontrato Julian, e la tigre si è innamorata. Ma abbiamo continuato a vederci, anche se meno di frequente.
Venivano spesso a cena lei e Julian, e gli spaghetti erano d'obbligo. Se non c'era da tornare in ospedale, si ascoltava musica fino a tarda ora.
Julian era un ex militare. A Kabul lavorava per Halo Trust, un'organizzazione inglese impegnata nella distruzione di mine antiuomo e ordigni esplosivi.
L'avevo conosciuto l'anno prima. Aveva tenuto, a noi personale della Croce rossa internazionale, un corso sulle mine, sul loro funzionamento, sulle precauzioni da prendere quando si lavora in zone minate, sulle tecniche di sminamento.
Mi era stato subito simpatico, un ragazzo intelligente e con molti interessi: eravamo diventati amici. Aveva scelto quel lavoro per convinzione, come gran parte dei suoi colleghi che ho conosciuto in Afghanistan, in Angola, in Cambogia e da altre parti.
Bravissimi quelli di Halo Trust, una delle poche organizzazioni davvero umanitarie che si occupano di sminamento, senza mercenari con stipendi da nababbi né militari beceri e rissosi.
Un giorno ho avuto bisogno di Julian, delle sue doti professionali, dopo che avevamo trovato una bomba a mano inesplosa nel giardino di casa.
Erano una bella copia, lui e la tigre, avrebbero dovuto restare ancora tre mesi in Afghanistan, poi sarebbero tornati in Europa, per sposarsi.
Ricordo ancora quella sera in cui Jaqueline era entrata di corsa nel giardino di casa mia, cantando e piangendo di gioia. Lo aveva detto a tutti, di essere incinta, ne era felice e orgogliosa. E noi avevamo organizzato una cena speciale per festeggiare la bella notizia. Quando sono partito, ho promesso a tutti e due che sarei andato al matrimonio.
Tre settimane dopo Julian è morto.
Un incidente metre stava disinnescando una mina, insieme con Chris, appena fuori Kabul. Julian era troppo vicino per salvarsi. Grendi ferite e ustioni gravissime. Sono morti entrambi.
Non sapevo niente di quella tragedia..
Ne sono stato del tutto all'oscuro fino a qualche mese dopo, quando per caso, parlando con amici comuni, ho chiesto notizie del matrimonio ormai imminente e li ho visti guardarsi in faccia con aria triste e imbarazzata.
Ho voluto che mi raccontassero tutto, nei dettagli. E ancora non riesco a immaginare che cosa deve essere stato, per Jaqueline, veder arrivare Julian in quello stato in ospedale, e morire tre giorni dopo sotto i suoi occhi.
Alla fine avevo trovato il coraggio di scriverle due righe, che non ha mai ricevuto.
Ora sono contento di parlare con lei al telefono, è passato molto tempo.
Jaqueline ha una bambina, bellissima e coi capelli ricci, mi ha detto, che ha un nome afgano, Naima.
Vivono insieme in Francia, ma è bello sapere che passano anche lunghi periodi in Inghilterra, a casa degli altri nonni, i genitori di Julian.
Durante la conversazione, mi rendo conto che Jaqueline è ancora la stessa. La tigre ce l'ha fatta, è stata capace di reagire, ancora una volta. Sapeva del mio girovagare negli anni in cui non ci siamo sentiti, sapeva che nel frattempo avevamo fondato EMERGENCY, che ci lavoravano insieme tanti compagni, è il caso di dirlo, di vecchie battaglie.
" Cosa farai? Saresti disponibile per una missione in Kurdistan?"
" E la bambina? È ancora un po' presto per lei, riparliamone la prossima primavera."

Advertisement