I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Dove corri, Vincenzo Voyager?

di Giuliano Aluffi su Smemoranda 2005 - M'ama non m'ama

Un messaggio vola attraverso città e campagne. Approfitta dell'offerta SuperPhone! Per ogni ricarica avrai 100 SMS gratis! Da: ServizioTel <555555>
"Non so se ti amo, Vincenzo, non lo so". Ecco cosa ti sta dicendo Fanny, amico mio. Le sfiori i capelli tradendo agitazione e lei continua: "Io con te sto bene, ma...".
Hai già sentito tanto, Vincenzo, troppo per il tuo cuore diciottenne affollato di misteri strani e intensi che ti salgono in gola: lei ti sta facendo male! Così le volti anzi vai via talmente veloce che le hai già voltato o addirittura le voltasti le spalle, e lei rimane lì in un punto biondo del tempo a interrogare i suoi desideri. Vedi, io ti capisco: devi costruirti una corazza di distanza e silenzio per schivare altri colpi. Ma quanto corri, Vincenzo, quanto! Proprio come l'inarrestabile sonda Voyager fuggi dall'umanità, superi Plutone e schizzi verso le stelle a cinquantamila chilometri orari, ultimo testimone di te stesso e dei tuoi travagli d'amore. Sei così avvolto attorno al nocciolo ferito del tuo cuore da scambiarlo per il mondo. Ciò che ti circonda perde importanza, delle case e della strada restano soltanto linee, contorni sommari, parole sempre più vuote: "postino", "taxi", "negozio". Giuri a te stesso che non amerai mai più, e la tua voce ha il suono di un foglio che si accartoccia...
Ma un BIP ti richiama da universi che pensavi perduti: ti è arrivato un messaggio - un nuovo messaggio! - e quindi et voilà la città riprende all'istante il suo concerto di profondità variopinte. Le tue cupe certezze si dissolvono e si srotola a fisarmonica, come una ghirlanda di omini di carta, il formidabile esercito delle possibilità: chi ti avrà scritto? Frughi nello zainetto e peschi il cellulare con l'espressione di Artù quando estrasse la Spada. Magari è Fanny dai grandi occhi grigi, chissà, forse ti chiama perché hai frainteso. Potevi lasciarle finire il discorso, no, Vincenzo?
Ma tu, Vincenzo Voyager, hai fatto bene a scappare: devi esagerare ogni reazione, è il felice e disperato obbligo imposto dalla tua giovinezza, che in fondo è solo un'infinita riserva di stupore. Ti vedo, armeggi con il menu del telefonino e sei curioso. Più di un annuncio di speranza, ti ha raggiunto la speranza stessa: è tutto quel che hai qui ora. Non hai ancora letto il messaggio, e chissà se è quello che aspetti oppure no. Potrebbe essere banale pubblicità SMS. Ma la tua euforia può durare per sempre, e sai perché? Perché sei in un racconto, Vincenzo, e nella fotografia che lo chiude ti aggrappi al tuo mezzo sorriso nuovo e ci salti sopra con le scarpe da tennis fino a confonderti coi colori del cielo, mentre le foglie quaggiù girano in cerchi e vortici. Respira profondo, pensa che Fanny ti ami ancora. Sentirai un vento che ti prende dentro e fuori fino a non farti capire più niente, e alla fine ti ritroverai così, un po' triste e un po' allegro come solo tu sai essere in mezzo a tutta questa vita che passa trafiggendoti il cuore con una risata leggera.

Advertisement