I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Come ai vecchi tempi

di Paolo Rossi su Smemoranda 2005 - M'ama non m'ama

Allora, io una volta stavo in un gruppo, diciamo così, di comici, cabarettisti, musicisti, diciamo dell'area di sinistra. E in quest'area, in questo gruppo, tutti avevano avuto abbastanza successo, tranne uno. Succede. Questo qui, dopo anni, ci chiama tutti al telefono e ci dice: "Compagni, ragazzi, amici, fratelli, voi! Cioè, sapete cosa sta succedendo in Urzurkistan, certamente lo sapete...". E tutti hanno detto: "Eh? Eh!". Nessuno che ha detto: "Ma dove cazzo è l'Urzurkistan?". Tutti hanno risposto: "No, no... no, certo!". "Bene, sto organizzando qui a Montelupo di Sopra, vicino a Empoli, una grande serata per finanziare l'Urzurkistan, perché è veramente allo stremo." Totale: un po' per senso di colpa, un po' perché non potevamo dirgli di no, siamo andati tutti a Montelupo di Sopra. Arriviamo là, palazzetto dello sport. Palazzetto... insomma, una palestra. C'erano fuori due amplificatori, gente che soffriva, si capiva, un gruppo di ragazzetti con la bandiera che gridava: "Urzurkistan! Urzurkistan!". Fatto il concerto, fatto lo spettacolo, si va fuori insieme. E lui, l'organizzatore, ci fa: "E adesso, tutti come ai vecchi tempi a casa mia!". E andiamo a casa sua. "Tutti a dormire stasera a casa mia." "Ah, grazie. E mangiare?" "Tutti come ai vecchi tempi a casa mia." Allora io ho aperto il frigo, ho guardato dentro e ho detto: "Come ai vecchi tempi, non c'è un cazzo nel frigo!". Però aveva il vino, ci siamo messi attorno al tavolo, ci siamo messi a parlare... Ed è stato incredibile perché bevendo, insomma, sai, salgono i fumi dell'alcol e uno ha cominciato a dire: "Ma ‘sto Urzurkistan, esattamente... cioè di preciso... No, no, io so che cosa sta succedendo lì perché... son robe imperialistiche pazzesche... Ma dov'è situa... l'Iran è a est?". L'altro lo interrompe: "Ma che cazzo c'entra dove sta, ora tutto il mondo è uguale, cioè, capisci che è tutto un casino... Piuttosto, quello che mi interessa sapere da te (rivolto a quello che ci aveva chiamati): tu che sei più informato, ultimamente, gli ultimi fatti che sono successi, tu che sei al corrente, che hai il polso della situazione in Urzurkistan adesso... Perché sai, siamo rimasti indietro con questa storia. E invece vorremmo sapere per lo sviluppo, per cosa esattamente stiamo lottando... Approfondire! Insomma, di preciso, in Urzurkistan...". E lui: "Mia moglie mi ha lasciato, la settimana scorsa". "Ah, cazzo!Era dell'Urzurkistan?" "No, no. Mia moglie è di Montelupo di Sopra e mi ha lasciato." "Ah, ci dispiace." "Mi ha dato lo sfratto, tra una settimana devo andar via da qui..." "Sì, ho capito, ma l'Urzurkistan?..." "E poi, non mi volete bene... mi avete lasciato fuori tanto tempo dal giro..." "Noi siamo venuti qui per l'Urzurkistan, cazzo!" Lui ci ha guardato uno per uno e ci ha detto: "L'Urzurkistan non esiste, l'Urzurkistan sono io. Mi sono beccato tutti i soldi del concerto, adesso andate a cagare tutti quanti, ciao!".
È una storia vera, non è un pezzo di cabaret.

Advertisement