I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Animali da branco

di Paolo Cevoli su Smemoranda 2013 - Friends

Parlo per i maschi. Di roba di amicizia fra maschi. Eteri. Che l'amicizia tra le femmine è tutto un altro meccanismo che non l'ho ancora capito. So di alcuni scienziati che sono dietro a studiarci sopra. Anni di esperimenti. Ma dice che stanno ancora barcollando nel buio.
Noi maschi siamo animali da branco. Cerchiamo dei simili con cui vivere e condividere tutto: gioie e dolori, donne e motori. Nella buona e nella cattiva sorte. La ricerca dei fac-simile può avvenire al chiuso, in appositi recinti tipo bar, palestre e officine ecc. o allo stato brado, vedi sagre, campi di pallone, motoraduni. Dopo gli annusamenti e le schermaglie iniziali si formano i gruppi.
All'inizio c'è il coso della novità.
Pacche sulle spalle. Grasse risate. Finte nei maroni. La sapete quella? Ah ah ah! All'inizio tutto bello. Ma dopo un po', gira e prilla, i discorsi son sempre gli stessi. Aneddoti e storielle si ripetono che sembra le repliche di Retequattro. E, come si sa, la ripetizione smaga. Allappa. Come i cachi quando non son maturi.
Subentra la crisi.
Un bel giorno ti raccontano una barzelletta che ti fa spataccare e non vedi l'ora di dirla ai tuoi amici, perché non c'è felicità vera se non in compagnia. Arrivi al bar: “Ragazzi, la sapete quella del marito che trova la moglie a letto con un nano e…”.
“Vecchia.”
“L'han tradotta dal latino.”
Che delusione. Che sconforto. Non c'è peggior trauma per un uomo che fermargli la barzelletta sul suo sgorgare. Se gli dicono che la moglie gli fa le corna, dà quasi meno fastidio.
Giunge il tempo della scrematura degli amici.
I più svolazzano via come gli ombrelloni che i bagnini non hanno fatto in tempo a chiudere nel mentre che arriva la tempesta. Tolti loro, quello che rimane, sono gli amici. I veri amici. Che non si stancano mai di te. E qual è il vertice, la vetta suprema dell'amicizia umana?
“Sì, che la moglie dice al marito che sta smettendo gradatamente. Ma raccontala ancora che come la dici te fai schioppar dal ridere!”
Questo ti fa sentire un vero amico: unico e irripetibile.

Advertisement