I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Drim… Driim… Driiimm!

di Piero Pelù su Smemoranda 2012 - Dream

(…)“Eh eh eh e perché mai dovrei far sogni, la vita è già di per sé un sogno stupefacente e quindi un sogno nel sogno esiste solo nei film e anche quelli per natura sono finzioni quindi simili a un sogno… insomma mi segui? Di notte nel sonno si sognano i simboli, si sogna l’essere, di giorno a occhi aperti si sogna il fare, l’avere… oppure no il contrario… eh, quando si parla di sogni caro mio non c’è regola i sogni sono liberi di andare dove vogliono senza chiedere il permesso a nessuno e quei sogni sono randagi, nomadi, zingari, figli del vento e si permettono qualsiasi cosa alla faccia nostra. Un sogno pilotato è un’idea, un progetto, una proiezione, mica un sogno vero! Ma poi ti dico che più che ‘fare un sogno’ mi piacerebbe ‘essere un sogno’ per avventurarmi nei meandri della mia mente tra neuroni (pochi), neurini (pure) e sinapsi (tracce) che valgono come il viaggio più incredibile nell’universo totale… la vera verità è che io non sogno mai la notte, o forse sogno davvero, ma quando poi mi sveglio non ricordo mai nulla a livello razionale e allora lo sai che faccio? Mi attacco invidioso ai sogni degli altri e li rubo sì li rubo, io sono un ladro di sogni sì, mi apposto negli angoli bui della città, della casa, del letto, del lenzuolo e, appena sento che qualcuno si muove nel suo sogno, mi ci butto sopra come un vampiro e glieli succhio via fino all’ultima goccia! Aaaah… sììì… il Reverendo Martin Luther King lui sì che faceva sogni a occhi aperti coi contro… “I haaaad a dreaaaam!!!” scandiva di fronte alla Casa Bianca con Bob Dylan ai suoi piedi… sognava che sparissero 500 anni di schiavitù e razzismo… e infatti gli spararono dopo poco per farlo volare più basso, molto più basso, due metri sotto terra diciamo.

Sogni grandi sogni scomodi, sogni piccoli sogni morbidi. Ma un sogno a occhi semichiusi/aperti ce l’ho pure io sì che ce l’ho, ce l’ho ce l’ho cazzolina, ce l’ho: fare il giro del mondo con moto, zaino, macchina foto/video e chitarra… che romanticone vero? Con le guerre dichiarate e nascoste che ci sono oggi nel mondo, un sogno del genere è come fare una roulette russa, quindi alla fine il mio sogno a occhi aperti ce l’ho pure io dai: vivere in un mondo in pace… drim… mondo in pace… drimm… in pace… driiiimmmm… pace… driiiiiiiiiimmmmm!!!…’azzo son già le sette di mattina, ho mangiato pesante ieri sera”.

Advertisement