I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

30052

di Gino Strada su Smemoranda 2012 - Dream

Ho sognato il grande fiume che culla il sonno, che scorre lento. Acqua di fiume, mai trasparente, che porta sabbia e la depone sulle rive, tra i canneti, le acacie e il granoturco. Nessun rumore, se non le chiacchiere degli aironi e delle capinere. Speravo di vedere i coccodrilli, ce ne sono tanti nel Nilo, si dice, invece nulla. Poi in lontananza un rapido, ritmico tum–tum-tum e il fumo che si leva da dietro un’ansa del fiume: potrebbero essere tamburi tribali, una festa. Invece è un brulicare di gente che porta secchi pieni di melma. Una pompa per aspirare acqua, una piccola fornace dove si cuociono mattoni. Ancora gente che li trasporta su assi di legno e li mette in pila ad asciugare. E poco più avanti, tra i manghi in fiore e i giganteschi nim, un grande edificio rosso e bianco. Rosso veneziano, direi, a un piano solo, e un grande colonnato bianco che circonda un giardino.

Mi avvicino, anche lì c’è molta gente, seduta sotto gli alberi tra le bouganvilles rosse e arancio, all’ombra dei ficus e dei lime. I lunghi camicioni e i turbanti bianchi fanno brillare i colori delle vesti delle donne, viola e verdi gialli e rossi mescolati nei modi più strani. Molte di loro hanno in braccio piccoli bambini dai grandi occhi. Parlano lingue diverse, si intendono a gesti, c’è chi gira offrendo a tutti caramelle. Entrano ed escono dal grande edificio, una donna si mette una mano alla bocca ed emette un lungo stridulo verso: uh uh uh uh, e subito diventa un urlo collettivo di gioia, un canto dai decibel impossibili che mi induce il risveglio.

Le sei del mattino, doccia e caffè. Un’ora dopo entro anch’io nel grande edificio rosso, per la riunione del mattino. “Il primo paziente nella lista operatoria di oggi è il numero 30052” inizia il cardiologo mostrando immagini ecocardiografiche e radiografie. “È una ragazza di 11 anni e viene dal Darfur”.

30052 è un numero progressivo. Al Centro Salam di cardiochirurgia di Emergency, in riva al Nilo a pochi chilometri da Khartoum, in meno di quattro anni abbiamo già visitato più di trentamila pazienti.

Non è stato solo un bel sogno.

Advertisement