I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Ogni paese è il mondo

di Jovanotti su Smemoranda 2004 - Che mondo

"Tutto è mondo per chi è mondo"
non significa che tutto è pulito per chi è pulito, come qualche professore ci ha voluto far credere. Il significato della frase latina "omnia munda mundis", tradotta in italiano "tutto è mondo per chi è mondo", che sta scritta anche nei Promessi Sposi e che viene detta da fra' Cristoforo, che era stato uomo di mondo, vuol dire letteralmente quello che significa. Tutto è mondo per chi è mondo. 
Per chi non è lui stesso il mondo, con l'equatore, i poli, le parti calde e quelle fredde, le stagioni che quando da una parte è estate da un'altra è inverno, gli oceani e le colline, i fiumi e i terremoti, gli ananas e le castagne, i pali della luce e i bambù di trenta metri, nulla è mondo ma sarà sempre regione, provincia e quartiere. Per chi invece è mondo tutto sarà mondo.
Ci sono uomini provincia e uomini mondo, non che uno sia migliore dell'altro, non è così, anzi in genere gli uomini provincia si adattano meglio al mondo e in genere riescono meglio nella vita, o perlomeno sono più appagati e soddisfatti.
Gli uomini mondo odiano il proverbio "tutto il mondo è paese" e lo girano al contrario "ogni paese è il mondo". Girano per le strade con un binocolo a tracolla ma lo usano al contrario, vedono una cosa che li interessa e subito dopo ci puntano il binocolo dalla parte sbagliata (per loro giusta), così da vedere il più possibile l'oggetto dentro al contesto, quello che ha intorno, gli orizzonti possibili. Hanno spesso un certo strabismo divergente, e comprano macchine fotografiche con obiettivi grandangolari. E collegano tutto, hanno la mania di collegare ogni cosa mentalmente, sempre. Allora capita che uno gli chiede che ore sono e loro rispondono "qui sono le tre ma a Kashgar nella regione cinese del Xinkiang è già ora di cena". E se sentono un po' di scirocco riscaldare Milano pensano che nel Sahara ci deve essere una tempesta di sabbia e domani ad Agadez i panini faranno stridere i denti perché quando c'è una tempesta laggiù poi la sabbia entra ovunque. E se vedono una persona con seri problemi di obesità fare la fila per entrare nel tunnel dei dinosauri a Disneyworld pensano a uno magrissimo di ossi e pelle fare la fila per ricevere un piatto di zuppa di miglio a Nairobi. E se vedono una farmacia aperta 24 ore a Monaco di Baviera che vende una pillola ricavata da un'alga dell'Oceano sudafricano a trenta euro che serve per lisciare le rughe pensano a una bimba sieropositiva a Soweto che potrebbe essere curata, ma per lei le medicine costano troppo e non si tratta di lisciare le sue rughe ma di vivere fino a vent'anni.
È una vita difficile quella degli uomini mondo, sono persone difficili, è un mondo difficile.
Omnia munda mundis. Tutto è mondo per chi è mondo.

Advertisement