I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Restare vivi

di Jovanotti su Smemoranda 2012 - Dream

Il punto è che esiste una connessione forte tra noi e la biosfera ma saperlo e averlo sentito dire è un conto, viverlo e farne esperienza in campo di fronte alla sua dimostrazione palese e diretta (la foresta amazzonica) è una bella botta. L’evoluzione in atto la si può sperimentare e vedere sempre ovunque in ogni punto dove ci troviamo, ma in Amazzonia questa cosa è lì di fronte a te e non puoi fare finta di non vederla, è l’evidenza. È quel tipo di posto in cui fai esperienza della vita in modo così totale che la morte non fa paura, anzi ti rendi conto che niente è più naturale della morte.

Restare vivi è quello che bisogna fare, ma va fatto fino a quando si muore, restare vivi dopo sarà un problema di dopo (mentre le religioni tendono a volercelo già presentare come fondamentale), restare vivi ora è quello che noi possiamo fare per essere in sintonia con bios e kairos.

Restare vivi. Fellini nel suo cinema parla di questo, Gesù nel Vangelo parla di questo, i Rolling Stones nei loro concerti parlano di questo, il mio iPad fiammante con il quale ti sto scrivendo, tutto parla di questo, di restare vivi…

Advertisement