I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Sinfonia del Nuovo Mondo

di Sergio Sacchi su Smemoranda 2004 - Che mondo

Trenta quaranta tutto il mondo canta
Pallida luna, o graziosa luna, io mi 
rammento
che il mondo non si è fermato mai 
un momento,
aspetta e spera: si è spento il sole, 
ma il mondo gira. 
Gira, il mondo gira, altro mai non ispera
poi stanco si riposa in su la sera 
e Cielo e Terra dicono qualcosa 
tra il telefono e il cielo 
poi il fumo sparge il velo 
ed erra l'armonia per questa valle 
e le discese ardite 
e i sempiterni calli e le risalite 
tutto è silenzio nell'ardente pian 
e l'esecranda cagione qual è, l'iniqua ragion?
C'era un ragazzo che come me
amava i Beatles e i Rolling Stones...
Certi in cor dell'antica virtù
chissà se in cielo passano gli Who?

Gira, il mondo gira sui ceppi accesi 
il mondo gira
e dagli atrii muscosi
va dicendo all'anima: sospira
La senti questa voce? 
La risposta è caduta nel vento,
lingua mortal non dice,
il tuo perpetuo canto
nella cantina noi respiravamo piano,
or dov'è il suono?

Gira, il mondo gira
lascia le case e per le vie si spande e mira, 
come le stelle al Roxy Bar,
le trecce morbide del greco mar,
ma sedendo e mirando
d'in su la vetta della torre antica
cadendo si dilegua e par che dica:
è la sera del dì di festa,
la quiete dopo la tempesta:
piove sulle tue ciglia, Ermione,
ma tramonta questo giorno in arancione.
Gira, il mondo gira,
il mondo gira per una lira
non si è fermato mai un momento,
ascolta il suo lamento:
"questo viver sempre caro mi fu
cosa voglio di più?
Io vorrei... non vorrei
(sapendo che quel che brucia non 
son le offese)

mille euro al mese"
Andiamo, è tempo di migrare,
dimenticare e ricominciare,
dimenticar le tue speranze vuote
vuolsi così colà dove si puote
e più non dimandare.

Advertisement