I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Ideonespa.it

di Annamaria Testa su Smemoranda 2008 - On/Off

a: divisione.marketing@ideonespa.it
oggetto: riunione urgentissima
Beppe,
abbiamo avuto un’idea pazzesca. Puoi combinare in settimana un incontro di presentazione con l’amministratore delegato, te e quel bellimbusto del Rampazzi?
Un caro saluto
Toni

a: divisione.ricerchesviluppo@ideonespa.it
oggetto: lascia perdere

Caro Toni,
le ultime idee proposte dal tuo reparto erano pazzesche nel senso letterale di roba da manicomio. Le mutande col clacson. Il gelato impermeabile. Il rasoio getta-e-usa. Non voglio fare un’altra brutta figura per colpa tua.

Se non mi dici di che cosa si tratta non organizzo una riunione neanche con la stagista addetta alle fotocopie.
Ciao,
Beppe
PS: quello che chiami bellimbusto è il capo della nostra divisione commerciale, nonché figlio del titolare cav. Rampazzi, nonché campione regionale di karate. Lo so che non ti sta simpatico, ma ti consiglio di lasciar perdere.

a: divisione.marketing@ideonespa.it
oggetto: non fare così…
Beppe,
fidati di me. Rampazzi serve per la dimostrazione: l’idea mi è venuta pensando a lui. Non voglio dirtela.

Anche le scarpe per non far puzzare i piedi o i bigliettini che si appiccicano, se li spieghi in due parole sembrano una scemenza. Sbrigati e organizza. Poi, per festeggiare, va benissimo anche la riunione con la stagista, ma verso sera, ah ah.
Ti pregooooo!!!
Toni

a: divisione.ricerchesviluppo@ideonespa.it
oggetto: non ci penso nemmeno
Caro Toni,
non ci penso nemmeno.
Beppe

a: divisione.marketing@ideonespa.it
oggetto: ok, OK!!!
Beppe,
ok, hai vinto. Tu concentrati, che io ti spiego. È una specie di cerottino, cioè non proprio un cerotto, diciamo un supporto autoadesivo rigido 3x3x0,4 cm, ok? Non ho ancora pensato il colore, quello lo scegli tu, ok? Nello spessore c’è un microchip, un sensore e un altro po’ di roba elettronica che ci facciamo produrre in Cina a 15 centesimi il pezzo, ok? E sopra il supporto c’è… UN INTERRUTTORE!!! E adesso pensa al Rampazzi, ah ah!!! Hai capito di che si tratta? Non è geniale???
Toni

a: divisione.ricerchesviluppo@ideonespa.it
oggetto: hai due alternative
Caro Toni,
o tu ti metti in ferie per sei mesi, o io chiamo la neuro.
Beppe

a: divisione.marketing@ideonespa.it
oggetto: OFF
Beppe,
tu non capisci, questa roba è meglio dell’iPod e della Colt messi insieme. Invece di infilarti le cuffiette e rintronarti di musica house per non sentire uno che ti sta rompendo le palle, o invece di sparargli che è una cosa pericolosa, tu… tu LO SPEGNI!!!
Lo spegni a LUI, capito?
Una bella pacca sulla spalla e gli appiccichi l’interruttore. Funziona anche se lo metti sui vestiti. Quando clicchi OFF, parte un segnale che interferisce in maniera non permanente con l’attività elettrica del sistema neurale e il tipo si spegne!!! Subito!!!
Poi, quando vuoi, lo riaccendi.
Aaaah, muoio dalla voglia di provarlo sul Rampazzi. Credo che lo lascerò spento per un po’. Magari non lo riaccendo neanche, sai com’è, questi prototipi hanno sempre qualche problema e un piccolo incidente può succedere a tutti, no? Allora, convinto? Me l’organizzi la riunione?
Toni

a: divisione.ricerchesviluppo@ideonespa.it
oggetto: ON
Caro Toni,
leggi l’oggetto al contrario
Beppe

a: divisione.marketing@ideonespa.it
oggetto: la soluzione di tutti i problemi del mondo
Beppe,non ti rendi conto. Dai, scatena la tua fantasia: puoi spegnere tua moglie che ti domanda dov’eri ieri sera. Il vigile che ti sta dando la multa. Tuo figlio può spegnere il prof. che lo vuole interrogare.
IO POSSO SPEGNERE IL RAMPAZZI, ah ah, alla faccia del karate.
Ma non solo: lo vendiamo agli interisti per spegnere i milanisti o magari viceversa. Ai condomini d’Italia, così in assemblea finalmente stanno tutti buoni. Pensa in periodo elettorale, quanti interruttori vendiamo. E poi non serve più mettere la gente in galera, li spegni per il tempo che serve. Andiamo anche da Bush e da Putin e… vabbe’, mi farai tu un elenco, e gli diciamo perché sparare a tutta quella gente? Basta spegnerli, no? Certo, resta il problema di dargli prima una pacca sulla spalla a ciascuno, ma lo risolviamo. Andiamo anche dal Papa, vedrai che l’idea gli piace. Beppe, questa è roba grossa, capito? È la madre di tutte le soluzioni di tutti i problemi, credimi.
Possiamo fare domani pomeriggio? Il giorno dopo Rampazzi non è in ditta.
Mi raccomando
Toni

a: divisione.ricerchesviluppo@ideonespa.it
oggetto: e se…
Caro Toni,
saresti contento se qualcuno, per esempio Rampazzi, decidesse di spegnere te?
Beppe

Advertisement