I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Il senatore e l’educazione dei figli - Un decalogo d’oro per accendere e far crescere i figli in maniera educatamente “educata”

di Antonio Albanese su Smemoranda 2008 - On/Off

A chiunque, qualunque e chicchessia spessatamente e qualunquemente da più parti mi si chiede se nel mio programma elettorale permanente c’è qualcosa che riguarda l’educazione dei giovani, cazzu iu!
Affettivamente non ci avevo pensato, eppuramente però, a ben guardare, qualcosa c’è.
Io mi vanto di aver educato mio figghiu Melo con le più moderne tecniche pedagogiche ed educative. Certo, uno schiaffo ogni due o tre minuti lo ha aiutato a comprendere chi cazzo comanda e gli ha insegnato a parlare solo quando è interrogato, ma io ho sempre pensato che un buon rapporto tra padre e figlio non può basarsi esclusivamente su schiaffi o sputi, ma servono pure legnate e caciazzi into culu.
Ad esempio mi ricordo che una volta sul traghetto per Messina, mentre passava un aliscafo, Meluzzu mi ha chiesto: “Papà, papà, cos’è quello?”. “Fatti i cazzi toi” gli ho risposto. L’educazione dev’essere rigida senza tralasciare le occasioni per far accrescere la cultura, ma bisogna fermare la curiosità, perché la curiosità è femmina e su un uomo non sta bene.
Mi ricordo pure che ogni volta che, cadendo, si faceva male e io lo riempivo di mazzate, comunquemente gliel’ho spiegato a Melo: “Se ti dò uno schiaffo è per il tuo bene, se non capisci il motivo, la colpa è tua che sei scemo, perciò, quando ti riempio di mazzate, ringraziami sennò ti picchio”.
A Melo ho dato frequentemente e volenterosamente e spregiudicatamente lezioni di guida, ma solo quando ha compiuto gli 11 anni; a 12 l’ho portato al poligono a sparare, a puttane a 14. Insomma un’educazione attenta e accurata, ogni cosa al suo tempo.
Momentaneamente e adessamente mi viene a mente che una volta Melo mi ha fatto una domanda difficile sulla scuola: “Papà, ma se uno non mi fa copiare a scuola, che devo fare?”. Confesso che ci ho pensato un attimo, poi gli ho detto: “Se uno non ti fa copiare i compiti a scuola è un infame, meglio punirlo subito, per il suo bene. Incendiare la macchina a un insegnante che ti dimostra scarsa stima può essere un buon modo per farsi conoscere”. Poi ho continuato con i soliti rudimenti di educazione civica: “Va bene il motorino, ma non mettere mai il casco, potrebbero pensare che sei timido. Ti devi fare rispettare, si comincia dando la precedenza a un incrocio e finisci che ti prendono pe’ ricchiuni. Non guidare mai contromano se hai bevuto. L’unico sport è il calcio, gli altri sono sport omosessuali”.
Insomma, cari amici, posso dire di aver agito per il meglio e i risultati un po’ si vedono: Melo, ogni giorno che passa, mi somiglia sempre di più. Anche lui ha i miei stessi sogni e le mie stesse ambizioni, anche lui ha a cuore i miei obiettivi, anche lui desidera un mondo in cui proliferino femmine e benessere, dove il cemento sia il collante che unisce la società civile, un mondo dove possa arrivare più pilu pe’ tutti.
Fedelmente e sempremente,

Liberamente tratto da
Cchiù pilu pe’ tutti, Einaudi
Cetto Laqualunque

Advertisement