I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Ho fatto un sogno, anzi due o tremila

di Enzo Gentile su Smemoranda 2008 - On/Off

La teoria dei sogni, la lettura del mondo esterno attraverso l’attività onirica, il significato più o meno esplicito dei pensieri prodotti durante il sonno, non si scoprono oggi. È storia antica, assodata, materia di studio che qualcuno custodisce gelosamente, altri si giocano al Lotto o alla roulette. Sognare fa bene: che succeda ad occhi aperti o che si riesca a ricordarli al volo, quando suona la sveglia. “On” sono quelli di tutti i giorni, che mi porto in giro come fosse l’iPod, desideri tascabili, quotidiani; “off”, quelli che lasciamo alle massime profondità e vengono a galla quando meno te lo aspetti. Comunque è una moltitudine, un esercito in movimento: un lavaggio della coscienza, uno specchio di cui non fare a meno. Si sogna in bianco e nero o a colori, con il sonoro -dialoghi e musiche compresi-, o no: importante è farlo, non smettere mai, restare sempre accesi, dentro e fuori.
C’è quel genere di sogni che si possono ripetere, da tenere con sé, cullare sotto forma di desideri nella speranza che si materializzino: ritrovare gli amici e i giochi dell’infanzia, la compagna di banco dei primi palpiti, la fidanzata con cui hai condiviso il concerto della tua vita, quella che ti ha fatto sentire una sinfonia intera nella testa e nel cuore. Avere ancora, strette intorno a noi, le persone care, che non ci sono più e che aumentano, mentre si va avanti.
Poi troviamo i sogni che attraversano la strada come un gatto nero, o un cavallo bianco sormontato da una principessa: sono quelli che preferisco, film un po’ psichedelici, con colonna sonora a piacere.
Questo, di qualche tempo fa, riguarda un cinema in fondo al mare.Marco mi ha telefonato per uscire stasera, sa che mi piace andare al cinema: è un amico, mi segnala un nuovo locale, vuole stupirmi e ci riuscirà. Arrivati all’ingresso, ecco un corridoio che conduce a due sale diverse, la tradizionale e la “special” quella che scegliamo noi, naturalmente. Alla cassa ci indicano una porta, è il guardaroba dove viene fornita una tuta da sub e le necessarie attrezzature per l’immersione: “Fra poco si scende”.
In questa sala si proiettano film molto particolari: chi li ha girati, dal regista agli operatori, ha pensato all’eventualità di mostrare e sviluppare un’altra storia parallela, mostrando quello che sta sotto la superficie. Una modalità espressiva e una categoria dello spirito intesa come un modo per farci riflettere su tutto quello che resta “sotto”: la terra, l’acqua, le nostre storie personali, la vita quotidiana, l’altrove e il dietro le quinte.
Lì albergano le visioni, i limiti, i tagli obliqui, il non detto delle persone e dei luoghi, il lato oscuro e segreto che vogliamo e/o dobbiamo nascondere nelle cose, l’intimità sbalorditiva, il doppio che risiede in tutti noi, quanto nelle opere d’arte: roba da sfogliare come un libro prezioso.
Buio, si spengono le luci, si accende lo schermo: va in onda l’altra metà dell’essere. “On”, prendiamo visione di quello che sta sotto, imparando a volare oltre: se andiamo al cinema o semplicemente usciamo di casa, bisogna guardare non solo sopra, ma pure al di là. È una questione di scelta, di vita. Facciamo che a decidere la posizione “off” non siano le persone sbagliate. Non ce lo meritiamo. Parola di un sognatore.

“Diventa il cambiamento che vorresti nel mondo” (Gandhi)

Advertisement