I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Don Chisciotte

di Lorenzo Beccati su Smemoranda 2008 - On/Off

Don Chisciotte sprona Ronzinante,
Sancio Panza urla al mulo.
Il cavaliere dalla Trista Figura,
trasognato,
si liscia i baffi impomatati
e pensa a quella gran gnocca di Dulcinea.
D’improvviso si sveglia dal torpore
e punta il nodoso dito indice
contro un mulino a vento.
Giganti! - sbraita l’uomo in armi.
Stavolta lasciate perdere… - implora Sancio.
Don Chisciotte ignora il consiglio
e senza porre tempo in mezzo,
lancia in resta,
galoppa contro il nemico.
A trenta metri dall’obiettivo
un allarme scatta su On,
ulula una sirena bi-tonale,
dal mulino parte un raggio laser
e ammazza sia il cavallo che il mulo!
Fasci di luce illuminano gli sconosciuti,
mille raffiche di mitra arano il terreno
attorno a quel della Mancha.
Una cortina di lacrimogeni
fa piangere i due uomini.
Dal terreno spuntano due missili terra-terra,
un elicottero da guerra volteggia sugli intrusi
e una voce metallica dall’alto
ordina loro di lasciare la zona.
Cavaliere e scudiero si voltano
e scappano a gambe levate.

Questa volta Don Chisciotte
ha davvero esagerato:
è andato contro il “Mulino Bianco”.

Advertisement