I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

La giornata di un bovino a due zampe

di Maurizio Milani su Smemoranda 2003 - Odi et amo

Ieri sono andato a far valutare il mio cane da Licia Colò.
Sì, per avere diritto al sussidio come ubriacone devi presentare al Comune di Milano una serie di documenti, in uno c’entra anche il punteggio del cane. Ho suonato il campanello di Licia, lei è venuta alla finestra mi ha guardato il cane ed è tornata dentro; dopo un minuto mi ha buttato giù dalla terrazza una lattina di birra piena e una fascicolo di cartone duro con scritto:
Voto: 2
Motivazione: è un cane che non sa di niente, né come portamento né come bellezza di orecchia. Farà fatica a trovare la morosa… come il suo padrone. Al pomeriggio sono andato a Forlì. Mi sono allungato dentro la macchina della mia ex morosa che non vedo da 8 anni (era stato un rapporto di odio-amore). Essa vive in quella città e parcheggia la sua Y10 in una piazza vicino a dove lavora. Quando è arrivata ci ha trovato dentro il suo antico manzo intontito di birra e con in mano le foto di noi due insieme. La mia ex morosa, per niente stupita di quella così brutta visione, prima di portarmi dalla psicologa della stazione Centrale mi ha limonato e palpato contro la mia volontà dicendomi: “Manzo a due zampe ti bacio anche se per te non provo più niente”.
Mara Venier, che passava di lì, nel vedere nell’abitacolo dell’auto una donna a cavalcioni di un ubriacone si ferma di colpo e dice alla mia ex: “L’hai trovato sull’auto?”
“Sì”. 
“Fai alla svelta che voglio limonarlo anch’io, poi ti aiuto a scaricarlo in stazione, pesarlo lo pesano quelli delle ferrovie”.
Alla sera sono tornato da Licia Colò, ho suonato il campanello, lei si è affacciata alla finestra ha guardato il mio cane ed è sparita in casa. Subito ha buttato giù una damigiana di vino e un fascicolo di cartone duro con scritto:
Voto: 6
Motivazione: il suo cane non è né bello né brutto, però sta in mezzo agli altri. Si fidanzerà sul tardi ma alla fine ce la farà a farsi una famiglia con decoro.
Io rimango perplesso perché il cane è sempre lo stesso; per me Licia dà i voti a seconda di come le gira. Come giustificazione ha che, valutando 500 cani tutti i giorni, anche lei dopo un po’ va in confusione e si innamora della persona sbagliata: Giovanni Rana, Francesco Amadori, il Cavalier Beghelli, Maurizia Cacciatori, Mario Merola, Giovanni da Cermenate, Dino Zoff.

Advertisement