I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Ho tanta voglia di...

di Fabio Fazio su Smemoranda 2002 - Giriamo pagina

Quest'anno i nostri professori Gino, Michele e Nico ci hanno assegnato un nuovo tema: Giriamo pagina! Tanta voglia di... Esso è un tema molto bello. Esso porta tutti noi a farci una domanda: “Come è che ai nostri professori Gino, Michele e Nico vengono queste idee?”. La risposta a questa domanda è possibile trovarla nell'andamento dell'Inter o in una peperonata andata per traverso. Continuare a indagare ci porterebbe però fuori tema o, piùprobabilmente, a svolgere il tema che Gino, Michele e Nico ci riserveranno per il 2003: “Inter e peperonata”.
Torniamo all'oggi.
Per prepararci al duro compito che ci aspetta, si propone il seguente esercizio propedeutico.
Abbinare a ciascun desiderio l'oggetto del desiderio corrispondente

Esempio:
Io ho tanta voglia di...
Mangiare la mia compagna di banco
Uscire con la merenda.
P.s. solo se vi chiamate Hannibal è accettabile un abbinamento diverso da quello previsto.
Esercizio: ho tanta voglia di…
Mandare a cagare la mia fidanzata/o
Scappare con Berlusconi
Terminato l'esercizio propedeutico (che evidentemente prevede un'unica soluzione esatta ma che non vi dirò), ciascuno può ora passare in rassegna le proprie voglie lecite e illecite per riuscire finalmente a fermarle sulla nuova pagina bianca che Gino, Michele e Nico con rinnovato spirito giubilare ci invitano ad aprire all'inizio del nuovo millennio.
Io ho tanta voglia di…
Io ho tanta voglia di andare avanti e non dover piùspiegare ciò che è bene e ciò che è male;
ho voglia di scappare per tornare indietro e poter ricominciare;
ho tanta voglia di fare, dire e baciare ma anche di nascondermi e di farmi dimenticare;
avrei voglia di cantare, di ballare e di suonare, di riempire le giornate fino all'orlo così da potermi ubriacare;
e avrei tanta voglia di lasciarle andare.
Ho tanta voglia di ascoltare e di imparare,
di voltare pagina per scriverci su parole e poi decidere di doverla strappare;
ho tanta voglia di viaggiare, in movimento o stando fermo purché sia sempre viaggiare;
ho tanta voglia di congratularmi con mucca pazza, di sciare con Gustav Thoeni, di cantare con gli Inti-Illimani, di prendere il posto a Badaloni;
ho tanta voglia di mangiare, di dire parolacce, di fare sesso e di fare le boccacce;
ho tanta voglia di essere un poeta, di nutrirmi d'amore, di volare e di trovare una rima che non sia “cuore”.
Ho tanta voglia di sperare, di sputare, di provare, di pisciare, di rischiare, di fuggire e adesso ho tanta voglia di finire.
Finito.

Advertisement