I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

In media

di Gialappa's band su Smemoranda 2002 - Giriamo pagina

Le statistiche dicono che nel 90% dei casi, dopo tre anni di matrimonio, si smette di fare l'amore. Ma le statistiche non fotografano bene la realtà, ne danno un'idea-media e la media, si sa, è solo un'ipotesi teorica. E' noto, infatti, che se Silvio (tanto per fare un nome a caso) guadagna 16 miliardi l'anno e tu neanche una lira, per le statistiche avete guadagnato, in media, 8 miliardi a testa. Perciò ha senso solamente parlare di casi concreti, e noi vi vogliamo parlare di quello di Paolo e Maria.
Maria, in ossequio alle statistiche, dopo tre anni di matrimonio aveva effettivamente smesso di fare l'amore, ma non per sua scelta (né per far piacere all'Istat) semplicemente perché Paolo non ne voleva piùsapere. Non perché sua moglie non gli piacesse più, o per cattiveria ma perché le piccole noie della vita coniugale (i figli, il lavoro, il mutuo, l'Inter, ecc...) gli avevano, come diceva lui, “tolto la poesia”. Nei confronti di sua moglie, ovviamente, perché con una dozzina di altre donne i figli, il lavoro, il mutuo e persino l'Inter non facevano nessun effetto negativo anzi! E perciò Paolo, pur essendo sposato da piùdi dieci anni, non aveva affatto smesso di fare l'amore. Sì, perché ci siamo dimenticati di dirvi che, secondo un'altra statistica, il 70% dei coniugi italiani è infedele.

Ciononostante il loro matrimonio proseguiva senza scossoni, senza dubbi e, soprattutto, senza domande. Fino alla sera in cui, all'improvviso, Maria prese il coraggio a due mani e chiese a Paolo: “Amore, ma se davvero mi vuoi ancora bene, perché non mi baci più e, in compenso, mi tradisci anche coi termosifoni?”. La domanda suonò così strana e imprevista a Paolo, che non ebbe neanche il tempo di mentire e ammise, candido “Mah... così... per gioco... per sentirmi giovane... per essere me stesso... non so!”.
Seguì una notte di pianti, abbracci, silenzi e rimorsi, durante la quale nessuno dei due fu capace di prendere sonno; dopodiché, al mattino, uscendo di casa sfatto per andare al lavoro Paolo disse a Maria: “Ho tanta voglia di ricominciare. Giriamo pagina! Vuoi?”. Maria rispose di sì, e da quel giorno Paolo smise di tradirla; e incominciò a farlo lei. Ma non per gioco, per sentirsi giovane o per essere se stessa. No, niente di tutto questo: solo per non smentire le statistiche.

Advertisement