I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

Lasciatemi quiz

di Maurizio Chierici su Smemoranda 1992 - Sogno e utopia

Sognare non costa niente. Per esempio: è facile rendere meno fastidioso l'uranio impoverito e dare un minimo di confort ai soldati di pace sparsi nella ex Jugoslavia o Irak o Somalia. Basta copiare il monopolio delle sigarette: “Nuoce gravemente alla salute”. I fumatori se ne fregano e accendono. Decidono loro se val la pena sfidare la vita. Allarghiamo il favore ai cittadini in prima linea. Al momento di prendere la mira potranno dare un'occhiata alle controindicazioni segnato sul dorso delle pallottole. Sparo o non sparo? Premere il grilletto diventa una scelta. Libertà di sbattersene o di aver paura. Lo decide l'interessato. I colonnelli possono solo avvertire: “Sai leggere? Leggi...”. Se il fantaccino dopo aver meditato sulle controindicazioni preferisce il bum, affari suoi. E' un modo onesto per rendere umane le catastrofi che inventiamo per tirar su la Borsa.

Piùcomplicato allargare le attenzioni mediche alla gente che si nasconde dove piovono i colpi. La guerra è guerra. Fa girare le fabbriche. A fine mese, busta paga agli operai. Che hanno i figli da mandare a scuola. Se studiano diventano liberi. Hitler lo aveva capito e lo scriveva sui lager: il lavoro rende liberi. Povero grand'uomo incompreso, come dice Haider, gemello austriaco di Bossi: non lo hanno mai informato dei forni crematori e che la sola possibilità di scappare era diventare fumo nel camino. I generali lo sanno. Ma, acqua in bocca. Informare il nemico delle controindicazioni scritte su ogni bomba vuol dire mandare all'aria le strategie. E in malora gli affari degli gnomi che inventano le armi della nuova generazione. Un po' di rispetto per chi ha preparato le pallottole alla crema di plutonio.

Sognare bisogna, però con cautela. Tanto baccano per la vacca pazza. Ne ha uccisi quanti? Mettiamo cento che hanno masticato la bistecca sbagliata. Cento su 300 milioni di europei è meno di un week end in autostrada. Intanto 700 milioni di stracci muoiono di fame mentre infiliamo il naso nel profumo dei cheeseburger per capire se sono proprio pericolosi. Spreco di tempo e denaro. Meglio imbarcare le vacche eccentriche: India, Cambogia, Corea del Nord, Africa Nera. La gentilezza dei nostri cuori pulirà le coscienze e loro continueranno a crepare. Non si fa per dire: andare all'altro mondo mangiando è un'altra cosa. Tanto nessuno lo verrà a sapere. Le statistiche sono numeri e i numeri non raccontano la storia di chi continuiamo a seppellire.

I sogni possono dar forza anche alle cose buone del passato. Ma bisogna rianimarle senza smettere altrimenti la concorrenza ci frega. La Francia sta correndo. La Spagna vuol mettere il bingo accanto alla corona della bandiera. Siamo i primi in Europa nella classifica dei quiz, per quanto? Vogliamo perdere il primato? Per mantenerlo, su le maniche e al lavoro. Ecco dov'è sbagliata la Finanziaria, cioè il programma di spese del governo: non ha previsto i soldi per moltiplicare i quiz. Urgente rimediare. Chiamiamo il popolo al referendum. Vittoria scontata. Perché nell'intimità del focolare i quiz riuniscono le famiglie distribuendo un'eccitazione mai goduta nelle veglie di padri, nonni e nipoti del passato. Insegnano tante cose: a scommettere su tutto. Alla fermata del bus: vediamo quanto tarda... Nella febbre del sabato sera. Quanti minuti impiega il cameriere a portare la pizza... Chi vince mangia gratis. Vuoi mettere come cambia. La Tv-roulette è la nuova Montessori, maestra ideale per educare le generazioni del terzo millennio. Anche alla tolleranza. Devono imparare a sopportare le domande di Mike Bongiorno, troppo sentimentali, mai spietate. Il grande vecchio crede che il brivido sia un gel e la suspense una zia americana. Eppure Mike rappresenta la memoria delle generazioni dai capelli bianchi, e i padroni del 2000 hanno il dovere di rispettarla per far capire la noia del secolo passato. Almeno ascoltare, o guardare svagati come quando passa lo stantuffo delle auto d'epoca.

Altra raccomandazione: siate ottimisti. Con l'arrivo dei 99 canali della Tv digitale ogni famiglia diventerà Las Vegas. Sogni al neon attorno al minestrone in scatola, pollo alla cacciatora in scatola e pane scongelato: pasto della sera. Senza contare la speranza dei quiz al mattino. Aprire la giornata con la scarica degli indovinelli è il formidabile effetto elettroshock per la testa addormentata dei ragazzi. Mezz'ora dopo le domande della riforma scolastica sembreranno caramelle.

(Volevo aggiungere da qualche parte il verbo “pensare”. Mi sono fermato in tempo. Era solo un vizio superstite dell'educazione retrò).

Advertisement