I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Piacere, All Blacks

di All Blacks su Smemoranda 2001 - La seconda volta

Piacere, All Blacks. Siamo la nazionale di rugby della Nuova Zelanda, la squadra più conosciuta al mondo del nostro sport. Certo, Luna Rossa vi ha fatto pensare che fosse la vela il nostro sport nazionale, mentre il vero sport nazionale è il rugby.
Piacere, All Blacks, è la nostra prima volta su queste pagine.
Ci chiamiamo così, facile dirlo, perché la nostra divisa è completamente nera, e non è semplicemente una divisa, è il nostro segno distintivo, e anche se gli All Blacks siamo noi, solo noi,tutto lo sport neozelandese ormai si colora così. Anche New Zealand ha vinto l'ultima America's Cup in... nero, ma prima non era così.
Essere un All Black significa avere tanti onori ma anche l'onere di essere chi ha fatto diventare la nostra nazionale la vetrina mondiale del rugby che vuol dire fare notizia sempre e comunque, con le vittorie e con le sconfitte,e il nostro quarto posto alla Coppa del Mondo ha fatto più rumore del successo dell'Australia.
Ma dobbiamo dire anche, specie in Italia, piacere, rugby. 
Il rugby è uno sport bellissimo, credeteci. Lo pensi violento, confondendolo con il football americano, invece è solo duro, duro ma sempre estremamente leale. E' uno sport quasi da pionieri, come lo ha definito Alessandro Baricco. Ma è anche lo sport di Vincenzo Cerami: abbiamo anche noi bella gente da mandare in campo insomma.
Già, cosa succede in campo? Partite da pionieri appunto. Il gol,la meta, arriva solo dopo che sei riuscito a occupare tutto il terreno dell'avversario, è una conquista progressiva. Gli All Blacks sono il rugby forse proprio per questo: la Nuova Zelanda è un paese giovane, cresciuto grazie al coraggio di chi ha rubato un po' di terreno, pur rispettandole, alle foreste, senza paura di lavorare duramente.
Gli All Blacks sono questo e altro, una miscela di coraggio, orgoglio e amicizia. La magia di essere parte di un gruppo speciale. 
Ogni paese ha la sua identità ed è bello pensare che noi,gli All Blacks, siamo l'identità della Nuova Zelanda: siamo serviti per avere un posto sulle cartine. 
Giochiamo a rugby, un gioco adatto a tutti. Fateci caso: nella nostra squadra di 15 giocatori, ci sono l'alto e il basso, il robusto e lo snello, mentre altri sport sembrano riservati a una taglia per volta.
Negli All Blacks poi ci sono la Nuova Zelanda di oggi e la Nuova Zelanda di ieri. La danza maori, la Haka che interpretiamo prima delle partite, è uno spettacolo nello spettacolo, ogni anno è sempre più popolare ed è servita pure a integrare i Maori nel paese. Loro sono le nostre origini, noi siamo solo la seconda generazione della Nuova Zelanda.
Noi siamo gli All Blacks, il vanto di un paese piccolo piccolo che in uno sport da pionieri è arrivato a comandare il mondo.

Ka mate,
ka mate,
ka ora,
ka ora,
tenei ta tangata,
ruhuru huru.

Nga na i tiri mai
whaka whiti te ra.
A haupani,
a haupani,
a haupani,
kaupani whiti te ra.

E' la vita,
è la vita,
è la morte,
è la morte,
risaliremo di nuovo
la scala della vita.

Advertisement