I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

La scorza dell'amore

di Enzo Gentile su Smemoranda 2001 - La seconda volta

Titoli di testa / Prima inquadratura: Tender is the night (Jackson Browne)

Stanze di vita quotidiana: come le facce di un dado, lo tiri e vedi cosa succede. Una mano di poker, a spillare una carta dopo l'altra. 
La va, la spacca, fa bene mettersi in gioco, tenersi sulle spine. 
Questa è la storia di uno di noi, anche lui nato per caso... 
(Aisha - Khaled)

Poche idee e ben confuse, qualche grillo per la testa e un'unica certezza, una specie di costante denominatore comune, nelle storie, negli incontri, buono per le visioni notturne e i sogni alla luce del giorno. La musica che aveva sempre amato lo rendeva in qualche modo schiavo di una piacevole consuetudine, per cui le canzoni si mescolavano agli affari del cuore, le protagoniste delle prime si sovrapponevano,si assimilavano alle altre. Una vicenda, un luogo, una situazione, era come se li avesse attraversati veramente, con melodie, pensieri e parole, che si intrecciavano senza soluzione di continuità. I personaggi delle canzoni diventavano compagni di vita, convinti, tutti insieme, che la musica è di chi la ascolta, fino in fondo.
(Michelle - Beatles)

La sua canzone regina l'aveva incontrata,ed era come se in testa alla hit parade ci fosse un disco da record, che nessun altro piccolo, grande capolavoro poteva scalzare. Fischiettava, cantava a squarciagola, e dopo tante ricerche in quel motivo tutto faceva rima con cuore-amore, passione con emozione, gioia scacciava via la noia e così via. Insomma, una fiaba a 45 giri, gli occhi della sua bella brillavano sulla testa come una stella, non serviva nemmeno una bacchetta magica per indicare la retta via: lui ci stava già passeggiando, con un sorriso pieno, largo coma la tastiera di un pianoforte.
(Roxanne - Police)

Nelle favole ci sono gli orchi e i lupi cattivi, nelle canzoni semplicemente le ultime strofe, le note finali,che si portano via belli e brutti, i giusti e gli infami, fino al prossimo ascolto. Capita anche che un disco lo presti e non te lo restituiscano,che non lo trovi più perché hai sbagliato la custodia, che lo insegui affannosamente, tra vaghe turbolenze e un grave stato di dipen-denza.Quella canzone la conosci a menadito, come le tabelline, e poi a un tratto ti svanisce nelle orecchie, inafferrabile. Rimane in circolo il gusto, il profumo: tipico di certi sentimenti che hanno un soffio debole, sottile...
(Layla - Eric Clapton)

Era una persona, pardon una canzone,di cui, per ragioni misteriose, non poteva fare a meno perché, dovunque si trovasse, in terra o in cielo, seguiva la sua anima, quasi si appartenessero naturalmente, a vicenda.
Antenne speciali che amministravano distanze e intensità, tormenti e ipotesi su cui fantasticare: “La musica sarà sempre dentrodi noi- le diceva-, e nel silenzio risuonerà ancora di più la tua assenza. Ci sono errori che abbiamo commesso e che solo il destino può obbligarci a condividere.”
La nave va, certe melodie sono zucchero, solo a sentirle c'è da sentirsi migliori: la voce interiore di ognuno di noi è tanto più potente,quanto più forti sono la determinazione e la fede. L'audience era altissima, totale.
(Suzanne - Leonard Cohen)

La cercava, come un rabdomante che deve scovare l'acqua nel deserto, per ritrovare nel suo sguardo la memoria di quel mondo che si erano spartiti, che li aveva divisi. Per tornare, come suggerivano Stanlio e Ollio, a essere due piselli in un baccello. Con la differenza rispetto a quei film irrimediabilmente in bianco e nero, che qui c'era il rischio di riprendere a sguazzare in tanti colori, come nemmeno a Carnevale! Roba da far una festa coi fioc-chi, che il Grande Slam impallidisce.L'occasione era lì, a portata di mano, come infilare la chiave nella toppa e girare. Ripetere, giova?
Tutto era pronto per la seconda volta, quella definitiva, che non si scorda mai.
(Sweet Jane - Lou Reed)

In ordine sparso: Suzie Q (CreedenceClearwater Revival), Cecilia (Simon&Garfunkel), Matilda (Harry Belafonte),Sandy (Bruce Springsteen”), Sarah (Bob Dylan), Goodnight Irene (tuttiquelli che l'hanno cantata).

Titoli di coda: I'm not perfect,but I'm perfect for you (Grace Jones).

Advertisement