I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

La seconda volta

di Fabio Fazio su Smemoranda 2001 - La seconda volta

La seconda volta è quella buona per capire le barzellette, 
per riuscire finalmente con un pezzo di stagnola a costruire le barchette;

la seconda volta è più facile fermarsi,
concedersi un sorriso
e addirittura rilassarsi.

La seconda volta ogni posto è cambiato,
tutto ci appare diverso e qualcuno ti trova invecchiato,
la seconda volta sei stato capace di nuotare
se la prima volta eri riuscito a non affogare;

la seconda volta che un uomo mise piede sulla Luna
appena sceso trovò bottiglie vuote e cartacce,
ne chiese conto dunque al primo che però lo prese a
parolacce: “Ti giuro non è stata colpa mia”.
E fu così che nacque la prima spaziale bugia;

ci sono film che la seconda volta
riescono ancora a emozionare
e c'è chi li guarda sperando che per miracolo
il finale possa cambiare;

i giapponesi fanno un viaggio di due giorni
intorno al mondo per riuscire a riposare
ma se ne accorgono solo la seconda volta
guardando foto e filmini sino a vomitare;

la seconda volta si insegue sempre la prima
come di chi non vuol crescere
o di chi disperatamente cerca una impossibile rima;

la seconda volta non è concesso di sbagliare
ed è quindi quella giusta per imparare a perdonare.

Advertisement