I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

La città non appare diversa dal solito

di Gino Strada su Smemoranda 2011 - Beautiful day

La città non appare diversa dal solito: tante persone racchiuse nelle proprie scatole di lamiera che si muovono nevroticamente e a fatica. Aria pesante e inquinata, cielo nuvoloso e umido. Fa ancora freddo. La città mi piace sempre meno.

Ma oggi, primo giorno di marzo, mi sembra ci sia qualcosa di diverso. Molte persone che abitano qui, o nelle vicinanze, si sono stancate e sono scese in strada, e per le piazze, per farlo sapere anche agli altri. Si sono stancate di essere discriminate, vilipese, oltraggiate, di soffrire costantemente la violenza altrui.

Così ripropongono le domande più antiche: perché io non posso essere eguale a un’altra persona? Non ci siamo forse messi d’accordo che esistono diritti “universali”? Perché io devo essere trattato in questo modo e subire quello che nessun altro vorrebbe subire?

Per la verità non tutti sono “scesi” in strada, c’è tra loro chi in strada già ci vive, o abita a livello stradale, o nei sotterranei. Ad ogni modo c’erano tante persone a protestare.

Sono entrato in quel corteo con in braccio Leone, che ha solo tre mesi. Abbiamo visto abiti coloratissimi, facce giovani e intelligenti, e ascoltato parole sincere.

Ho notato però che non c’era nessuno di coloro ai quali la protesta, e le domande, erano dirette. Come faranno a capire i problemi, se non ascoltano chi li vive? Non c’è da stupirsi, il potere vecchio e corrotto pensa solo a proteggersi, difende la propria cittadella, coltiva privilegi.

Eppure, vedendo quel corteo, ho pensato che un giorno potrebbero essere proprio loro, i discriminati e gli umiliati, a portare qualcosa di nuovo nella città. Una nuova cultura, tante nuove storie, nuovi modi di stare insieme, di capirsi…

Potrebbero essere proprio loro a dare senso alla città futura, a dettarne regole più “umane”, meno grette, molto meno stupide. A costruire, insomma, un nuovo modo di vivere associati, un insieme di persone anziché una jungla feroce.

È stata una sensazione. Ma ho anche sperato che siano loro, in futuro, a insegnarci di nuovo la via dell’eguaglianza e della solidarietà. Se così fosse, il piccolo Leone dovrebbe essere orgoglioso di aver partecipato a quel corteo, alla sfilata dei nuovi cittadini.

Finalmente un po’ di aria pulita nella città.

Evviva il 1° marzo, giornata bellissima.

Advertisement