I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Qual è la mia giornata particolare

di Sebastian Giovinco su Smemoranda 2011 - Beautiful day

1 – 6 - 4. Tre semplicissimi numeri.

Tre numeri che ricorrono quotidianamente nelle vita di ciascuno di noi.

Chi non ha mai sognato di essere un numero 1? L’eccellenza. La bravura assoluta in un qualcosa. C’è chi è il numero uno in classe, chi nelle amicizie, chi con le ragazze, chi nello sport.

Oppure il 6. Quante volte negli sms utilizziamo questo numero per abbreviare il verbo essere? Io moltissime. Oppure, più semplicemente, può essere il numero che a scuola ha fatto tirare a chiunque un sospiro di sollievo: la tanto invocata sufficienza nel compito di matematica o nella versione di latino. Esatto! Avete capito cosa intendo.

E il 4? Be’, il quattro per me, è immediatamente il numero del tram che ogni mattina prendevo per andare a scuola. Che noia! È il numero di gol che vorrei segnare in una finale di Coppa del Mondo. Ma è anche il numero che caratterizza la mia famiglia: mia mamma Elvira, mio papà Giovanni, mio fratello Giuseppe e io.

Pensate a quante volte nella vostra giornata incontrate, leggete o scrivete questi tre numeri. Bene. Ora provate a leggerli di seguito: 164. Centosessantaquattro. Già proprio come i centimetri che mi rappresentano. Per qualcuno potrebbero essere un problema. Per me sono un marchio di fabbrica. Un elemento distintivo che mi differenzia da qualsiasi altro giocatore di calcio. All’inizio della mia carriera, ho incontrato persone che consideravano la mia altezza una limitazione. Sostenevano che non avrei potuto arrivare al professionismo a causa della mia altezza. Io invece credevo in me stesso, nelle mie capacità e nella voglia di impegnarmi per migliorare sempre, giorno dopo giorno.

Qual è la mia giornata particolare? Ogni mia giornata è particolare. E lo è soprattutto dal momento in cui ho capito che ognuno di noi è speciale per qualcosa. Lo siete voi, lo sono io.

Advertisement