I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Buon anno

di Enzo Gentile su Smemoranda 2007 - Be free to...

Si può: siamo liberi come l'aria. Si può: siamo noi che facciamo la storia. Si può: libertà, libertà, libertà. Libertà obbligatoria.
(Giorgio Gaber)

Auguri per un uovo anno: nel senso che abbia soprattutto la sorpresa.
Bisogna sgomberare alla grande: la mente come quasi un vecchio solaio, il cuore come certe cantine immobili e polverose, gli occhi alla stregua di quei ripostigli in cui ognuno di noi usa stipare cianfrusaglie e ritagli di memoria, illudendosi che certe figurine siano manifesti di vita. Un anno, proprio perché nuovo, e diverso, però, deve prescindere dal calendario, e iniziare un po' quando ci pare: con una bella dose di autostima, da spalmare generosamente, come da un vasetto di Nutella.
E forse questo è il momento adatto. È tempo di migrare, con la fantasia. E di sentire la primavera, di fiorire: liberandosi di tutto e di tutti, della zavorra che è sopra ogni cosa uno stato della mente. 
Perché solo creando i vuoti si fa spazio al pieno che verrà.

Rifondo, rinasco, rigenero, rilancio e ribadisco: liberi non si nasce, lo si diventa. Liberarsi dalla brutta musica (e dalle radio, dalle tv specializzate: ma ci faccia il piacere!), dai pessimi film, dai libri inutili, dalla televisione tutta, dai cibi finti, dai vini cattivi, dai coloranti veri, dai grigi infiniti, dall'aria pesante e dai pensieri fatti di niente. Dai momenti opachi, dai sentimenti forzosi, dai lavori forzati; dei gesti mesti, dei vasi non comunicati. 
E mai ballare coi cupi.
Cominciare un anno con il piede giusto, anzi con tutti e due, già che ci siamo: una sinfonia intorno e dentro di noi.

E allora, per festeggiare al meglio, anziché un solo anno, celebriamo il 2007 come se fossero dodici, diciamo uno al mese.
Auguri, dunque, 
- per un anno maratoneta, quello che corre via veloce e bisogna inseguirlo a perdifiato
- per un anno camaleonte, che ti cambia di continuo sotto gli occhi
- per un anno arcobaleno, tutto a colori, che non sai mai cosa metterti
- per un anno capriccioso, senza le mezze, né le quattro stagioni, e anche meglio della margherita
- per un anno coltello, con cui tagliare il capello in otto e concedersi perfino il bene della severità
- per un anno bandiera, da sventolare a più non posso, perché il 
vento è cambiato
- per un anno golosone, da farcire a volontà e per leccarsi i baffi
- per un anno pianoforte, da suonare a dieci dita e migliorare la musica
- per un anno giardino, da coltivare a fiori profumati e strawberry fields forever
- per un anno ammaestrato, da cullare docile e morbido, come un caldo peluche
- per un anno radiofonico, o anche ferroviario, così da cambiare sempre stazione, fino a trovare quella giusta
-per un anno spiazzato, da capovolgere, ribaltare, e lasciarci tutti senza respiro.
- Augh!

"Volevo dire di no quando la banda passò,
ma il mio ragazzo era lì e allora dissi di sì."
(Mina)

Advertisement