I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Libero in tutte le materie

di Paolo Cevoli su Smemoranda 2007 - Be free to...

Siccome che il mio figlio (quello più grande) fa la quarta liceo e nella pagella del primo quadrimestre gli hanno stampato svariate insufficienze, avevo già una mezza idea che "adesso, quando stasera torna a casa dopo l'allenamento, almeno un po', è giusto che mi arrabbio". 

I miei genitori mi hanno fatto fare sempre quello che volevo in tutti i campi. Non mi stavano mai sopra. Per non parlare dei compiti. Mi hanno tirato su libero e autosufficiente in tutte le materie che per fortuna, difatti, non ho mai avuto problemi con la scuola. Avevo sempre pensato che quello era il sistema migliore per crescere i figli. Fatti le tue esperienze che poi dopo è la vita che ti impara, magari facendo degli sbagli.

Premetto che io ai miei figli gli voglio bene come fossero i miei figli. Però quando lui - dopo che io avevo attaccato la tiritera del "così a scuola non va proprio bene" - mi guarda e mi fa "Babbo, te e la mamma mi sgridate troppo poco", devo dire che le gambe mi hanno gniccato. Per i non addetti ai lavori ricordo che le gambe gniccano quando le articolazioni dei ginocchi subiscono una involontaria flessione di circa 2 barra 3 gradi. Tale riflesso incondizionato viene provocato da un improvviso vuoto d'aria che si verifica nel cervelletto e si propaga alle rotule tramite l'apposito tubo che collega i due organi. 

Quella sera quando ero nel letto con la mia signora, che parlavamo proprio di questa roba qui (non delle ginocchia ma del nostro figlio), io gli chiedo "Allora?". Mia moglie non è una di quelle che parla tanto. Mi risponde: "Allora cosa?". "Secondo te dove sbaglio?" faccio io. Lei mi risponde puntando la sveglia: "La domanda è un'altra: ma i nostri figli di cosa hanno bisogno? Adesso però mi fai dormire che domattina mi alzo presto. Buonanotte. Comunque speriamo che non gli diano dei debiti per l'estate." Si gira dall'altra parte. Mentre spengo la abat-jour le dico: "Oh, in ogni caso saranno poi pur sempre cazzi suoi di lui!"

Mia moglie dorme già.

O anche miei?

Advertisement