I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

La fragolina di bosco

di Alessandro Robecchi su Smemoranda 2000 - Quello sporco ultimo mito

Mi spiace. Desolato. L'ultimo mito del millennio me lo sono mangiato cinque minuti fa. Era una fragola. Una bella fragolina di bosco nata nel bosco, mica quelle al parmigiano con la rucola che coltivano adesso. Purtroppo faticherete parecchio a trovare altri miti come la mia fragolina nei prossimi mille anni. In compenso però, pensate alla comodità della faccenda, avrete pomodori con la forma dei pezzi di puzzle, così mentre cucinate potete distrarvi. Cucinare, non esageriamo: basta scuotere un albero di lasagne ed ecco! Ancora calde... giuro! Hanno messo il gene del forno nell'albero delle lasagne! Idea geniale per la massaia indaffarata! Questo è niente rispetto a quello che stanno facendo con il mais. Si sa che gli insetti mangiano il mais. Allora hanno messo nel mais un gene che ammazza gli insetti. Poi sono venuti gli uccellini: niente insetti, gli uccellini mangiano anche loro il mais. E allora hanno messo un gene che ammazza gli uccellini. Ah! La scienza! Poi sono arrivate alcune mandrie di zebù... Bravi, avete indovinato... hanno messo nel mais un gene che si mangia gli zebù. Ora: cosa c'è sotto? Chi sarà così scemo da mangiare del mais sapendo perfettamente che poi verrà sterminato? Certo non io! Comunque, anche se c'è gente che si strappa i capelli, non vedo di cosa preoccuparsi nell'immediato: la natura è saggia, ha le sue contromosse. Per esempio gli insetti potrebbero cominciare a mangiarsi gli zebù. Ecco, allora sì che sarà tempo di preoccuparsi. Naturalmente, ancora una volta, la scienza ci salverà. Quando le nostre città saranno invase da insetti mangia-zebù grossi come Tyson, noi secerneremo una speciale sostanza che tiene alla larga gli insettoni (e anche i testimoni di Geova). Purtroppo spesso la scienza sfugge al controllo dell'uomo. Così l'uomo secernerà questa sostanza che agli insetti fa schifo, sì, ma gli mette una gran voglia di mangiare le nostre fidanzate! é triste, ma poi ci si adatta. é chiaro che una società senza piùragazze non è una gran cosa, e alla lunga diventa seccante andare alla partita tutti i giorni. Così la scienza corre ai ripari: ecco finalmente la prima pianta di origano che ti lava i piatti e ti rompe i coglioni per andare al cinema. Non è la stessa cosa, ammetto, va ancora perfezionata, però le hanno messo un gene speciale per cui capisce la regola del fuorigioco. Dite la verità: con la vostra ragazza non ci sareste riusciti in dieci anni! Comunque se fossi in voi, non andrei tanto a dire in giro che vi manca la ragazza. Se si diffonde la voce che l'uomo soffre tanto, vi tolgono il gene della voglia di ragazza e restate tutti lì come dei pinguini nel deserto. E quel che è peggio: con due cocacole in mano! Resta il mistero: perché mi sono mangiato l'ultimo vero mito del millennio, quella povera fragolina? Vi dico la verità: essendo una fragolina di bosco si sentiva un po' spaesata senza più bosco: rischiava di andare sotto un camion. Certo, avrei potuto donarla alla scienza. Avrebbero studiato quella povera fragolina e poi zam... clonato miliardi di fragoline! Poi le avrebbero fatte piùgrandi. Le avrebbero disegnate meglio, con le cosce un po' piùlunghe, due bei lamponi davanti... Una bella promozione per una fragolina! Insomma, è probabile che se io non avessi mangiato l'ultimo mito di tutto il millennio e di tutto il pianeta, adesso riavremmo forse le nostre ragazze e potremmo appartarci nelle vie buie come un tempo (cosa che con una piantina di origano, diciamolo, non ha senso). Ma che ne parliamo a fare, tanto, se era l'ultima peggio per lei! La specie “fragoline” poteva organizzarsi meglio!

Advertisement