I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

L'uomo forte

di Annamaria Testa su Smemoranda 2000 - Quello sporco ultimo mito

Attenzione. Pericolo. Maneggiate con cura. Infilatevi dei guanti di gomma. Due paia, uno sopra l'altro. O usate un paio di pinze. Molle da caminetto. Possono andar bene anche due forchettoni per l'insalata. I miti dovrebbero essere miti, no?
Questo qui è un mito, ma non è mite per niente, anzi. è un mito carognone. Ne sa una più del diavolo, è vecchio come il mondo ma ogni volta fa finta di essere nuovo, e vuoi vedere che approfitta della fine del Millennio e di tutto quell'ambaradàn che c'è attorno per sbucare fuori un'altra volta e far finta di essere appena nato, guarda caso proprio in questo momento qui che c'è la svolta epocale, il giro di boa, l'avvento della Nuova Era?
Dicevamo: magari lui è lì che fa finta di essere appena nato, innocente e pieno di promesse, strilla come un ossesso ma figuriamoci se qualcuno si fa venire uno straccio di sospetto: tutti lì attorno a dire coooom'è cariiiino. E nessuno lo riconosce, il vecchio carognone. Tutti a nutrirlo, coccolarlo, farlo crescere, e compiacersi, e commuoversi e sospirare e fremere. Il carognone ride sotto i baffi. Guardatelo bene. Imparate a riconoscerlo da subito. E appena vi capita a tiro, giù una bella botta col forchettone dell'insalata. O con le molle del camino.
E' il dannato, fetente, schifosissimo mito del CCCSR. Sigla che in realtà vuol dire Che Cavolo Ci Stai Raccontando, ma che è fin troppo facile spacciare per un "Colui Che Ci Salverà Rapidamente". Insomma: stiamo parlando dell'uomo forte, il condottiero, l'uomo del destino. Il CCCSR si presenta in diverse forme. Queste, a loro volta si possono mescolare a piacere in un'infinità di cocktail indimenticabili.
- CCCSR classic: dai, ragazzi, noi che siamo in gamba, le forze sane, gli eletti, su le maniche e costruiamo un mondo migliore, che ci vuole? Basta buttare nella pattumiera un bel po' del mondo che c'è, no? E già che ci siamo, anche un bel po' di quelle merdine che ci vivono dentro, certo, dispiace, ma cos'altro si può fare?
- CCCSR light: vi sentite soli? Derelitti? Traditi dalla sorte? Vi puzzano i piedi? Avete la forfora? E sotto la forfora vi sta crescendo un paio di corna chilometriche? Tranquilli: ci sono qui io. Fidatevi e lasciate fare a me. Aggiusto tutto. Come faccio? Poi ve lo dico. Intanto avrei bisogno di un paio di favori da voi. Due sciocchezzuole, giusto per mettermi in grado di lavorare tranquillo. Ma come, non sono legali? Non sono morali? Uff, che bacchettoni! E volete forse tenervi la forfora?
- CCCSR mission: c'è l'ho qui, tutto in mente. Me l'ha dato Dio in persona. è venuto da me, gentile da parte sua, e mi ha detto: “Caro, ecco il progetto del mondo perfetto. Te lo spiego in due parole a te, che sei l'unico che può capirlo. E adesso vai, e realizzalo. Di' che ti mando io. Se qualcuno protesta, zàc, zàc. Ci siamo capiti?”. Giuro: così, mi ha detto. Zàc zàc. E mi ha dato questo spadone. E che ci posso fare io, l'umile servitore, se non usarlo?
- CCCSR techno: è un dato scientifico. Almeno una metà di voi genere umano, fa schifo. E' in contraddizione con l'ordine supremo dell'Universo, che è tutto qui, riassunto in un'agile formuletta che ho personalmente elaborato sul mio portatile. Quella metà lì, non ha il diritto di esistere. E' uno schiaffo alla Logica, alla Ragione, alla Scienza, alla Giustizia, alla Bellezza e agli Ideali. Adesso premo delete e la cancello. E al suo posto in un battibaleno ci metto questi robottini tutti bellini, lustri e disciplinati, una meraviglia, li ho progettati io. Dicono perfino "Buongiorno", "Grazie" e "Prego".
Insomma, tutto quello che c'è bisogno di saper dire, perché il resto lo dico io. La cosa che vi permette di distinguere un fetentissimo CCCSR da un millantatore qualsiasi è che lui, il CCCSR, non ha idee, proposte, progetti, programmi: lui ha una Certezza Totale che genera automaticamente Una Soluzione! Per tutto! Subito! L'unica condizione che vi pone, è fidarvi di lui ciecamente. Sospendere dubbi e distinzioni. Chi ha un dubbio, è un traditore. Un nemico della causa.
In galera, in galera. Una certa insistenza su "in galera, in galera" è il secondo segno che vi fa riconoscere a prima vista un CCCSR. Il terzo segno, connesso coi due precedenti, è l'attitudine a circondarsi solo di gente che gli dà sempre ragione. Il quarto segno, è che il CCCSR presume che dobbiate essergli sinceramente grati: è un filantropo, lui. è un eroe disinteressato, che lavora e fatica e lotta e soffre per il bene di tutti (di tutti i sopravvissuti, in realtà. Ma se provate a dirglielo, vi guarda piuttosto infastidito. Cosa vi viene in mente, di tirare in ballo questi dettagliucci?). Se non sentite riconoscenza e amore per lui, ci resta proprio male. Si offende. E, naturalmente, subito dopo decide che questa è un'ulteriore prova del fatto che siete stupidi e cattivi. Zàc zàc! E allora attenti, ragazzi. I CCCSR del futuro sono già tra noi.
Tenete pronti i guanti e il forchettone. Oppure, l'arma davvero micidiale e definitiva: una gigantesca, travolgente, incontenibile, infinita risata.

Advertisement