I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

St. Lucia, gente!

di Annamaria Testa su Smemoranda 1999 - Va' a quel paese

Se guardate St. Lucia in una cartina del Centroamerica, la vedete appesa alla collana delle piccoleAntille, poco sopra Trinidad e il Venezuela. Se la guardate dal vivo (cioèdopo essere arrivati lì. Magari non con la compagnia aerea locale,che vanta - si fa per dire - le hostess meno gentili del pianeta. E, temo,dell'intera galassia).
Dicevo, se guardate St. Lucia dal vivo, vedete: banani. Un sacco di banani.Tutti con le loro banane appese. E, attorno a ogni casco, un bel fogliodi plastica blu, contro gli insetti e i colpi accidentali che possono annerirela buccia, o danneggiarla. Il risultato cromatico è: una distesadi foglie sfrangiate verde chiaro, frutti verdegialli, svolazzanti fogliblu, terra rossastra, cielo blu. Per terra, i caschi di banane imperfetti.Potete prenderne, e mangiare banane gratis all'infinito. Sennò, ingiro, manghi, papaie e pompelmi. La seccatura coi pompelmi è chenon basta togliere la buccia spugnosa e spessissima, e il mezz'etto di semiche c'è dentro. Conviene spelare ogni spicchio, perché anchela pellicina traslucida è dura e amara. Ciò che resta dopoquesto lavoro certosino, però, ha un sapore indimenticabile.
Quando finiscono i banani comincia la foresta pluviale. Quando finisce laforesta pluviale, ricominciano i banani. Quando finisce la terra, c'èil mare. Lunghe spiagge bianche all'estremo nord, piccole spiagge piùscure a sud. A ovest, sul mare, due vulcani gemelli: i Pitons. Sembranodue panettoni magri, neri e verdi (foresta pluviale, banani). Pitons èanche il nome della birra locale: i due vulcani sull'etichetta.
Nella fettina d'isola all'estremo nord, insieme alle spiaggione, agli alberghie ai campi da golf trovate i turisti. Altrove, nei frammenti di terra lasciatiliberi dai banani, villaggi minuscoli. Tende di pizzo sintetico coloratoalle finestre, tetti di lamiera ondulata, microscopiche verande, stradedi terra battuta pulitissime: vecchie mamas le spazzettano tutte le mattine.Dappertutto bambini lindi. Bambine linde con incredibili bellissime acconciaturea fiocchetti, ciuffi elettrici messi in piedi, sbiechi, arricciati, acciambellati,rigirati: come se fossero vivi e dotati di un proprio peculiare sense ofhumour.
Steve abita in uno di questi villaggi. E' un rasta. Ha poco piùditrent'anni, va a pesca per tre ore al giorno, gioca a pallone per altretre ore, e per il resto del tempo va in giro, chiacchiera, cucina (per esempio:gnocchi in brodo di cacao), dorme o non fa niente. Giani invece la mattinava a scuola perché ha sette anni. Testa rotonda spalmata di oliodi cocco. Gli gnocchi al cacao gli piacciono molto, ma anche i multinazionalibiscotti McVities non sono male. Siamo su un pullmino scassato, l'operaomnia di Bob Marley a tutto volume, attorno foresta e banani. Guida Sean,sì, Sean proprio come Sean Connery. Va cauto sulla strada scassata,è un tipetto timido, pulitino, un po' lamentoso.
Giani mangia metodicamente McVities, Sean e Steve parlano in creolo. Masu Bob Marley che canta One love passano a un inglese scuro, morbido e sincopato.
Steve: “Gente, conoscete Bob Marley, vero?”
“Certo, come si fa a non conoscere Bob Marley”, diciamo noi.
Steve: “E anche Peter Tosh?”
“Come no?”, ridiciamo noi.
Steve: “Ma Bob Marley era il piùgrande. Oh, gente, sapete,Bob Marley era veramente grande”.
Sean: “Davvero, gente, il piùgrande di tutti”.
Steve: “Perché era un uomo libero, sapete? Davvero un uomo libero.Ha insegnato a tutti l'amore e la libertà”.
Giani assente con la bocca piena di McVities. Noi assentiamo. E Sean riprendeil controcanto: “Sì, gente, amore e libertà per tutti”.
Steve: “Amore e libertà per noi gente nera, per voi bianchi,per i rossi e i gialli, per tutti amore e libertà”.
Sean: “Amore e libertà per essere in pace tutti insieme”.
Steve: “Era un grand'uomo Bob Marley, credete a me gente. Come luinon ci sarà nessun altro, mai mai piùnessun altro su questaterra”.
Sean: “Mai piùnessuno come lui”.
Steve: “E' morto a trentasei anni, sapete, gente? Solo trentasei anni”.
Sean: “Trentasei anni, è così triste”.
Steve: “A trentasei anni uno può fare ancora un sacco di cose,no? E lui è morto”.
Sean: “Sì, a trentasei anni è morto Bob Marley. Trentaseianni come lady Diana e Gesù Cristo, gente. Non sarà mica uncaso, no?”
Steve: “Oh no, gente, non può essere un caso”.

Advertisement