I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Presente futuro del verbo pensiero

di Alessandro Bergonzoni su Smemoranda 2006 - Immagina che...

Immagino che chi avrà crisi di identità farà la cura del sono e guarirà e la carta diventerà veramente igenica, nel senso che finalmente si rifiuterà di pulire, perché se è veramente igienica non può essere usata in quel modo.
Nascerà la più grande fabbrica di rifiuti del mondo, dove si metteranno tutti i no ricevuti e dati.
Immagino che ci si potrà radere con uno dei più grandi rasoi mai immaginati, quello per tagliare le superficialità più superficiali e quel rasoio si chiamerà "Dalai Lama".
I pipistrelli potranno cenare in tutti i ristoranti ma solo dopo la chiusura e cioè quando i camerieri avranno capovolto le seggiole…
Si vedranno "sciatori donatori" scendere su plasma nautico in un mar rosso aperto da poco.
Vedremo il vero poeta fare un gran salto Montale.
La notte arriverà abbronzata, nera. I giorni verranno noleggiati a ore e le ore affittate a minuti, cioè tra un po', fra centomila stelle salenti della costellazione boomerang...

Le calamità perderanno gli accenti, si attaccheranno ai caratteri di ferro e una grande pila si formerà tra i poli. Sarà la notte dei lunghi pennelli.
Due tipi di chiodi impazziranno: ovviamente i chiodi claustrofobici e quelli che non sono più amati da un giorno all’altro, i chiodi piantati.
La ionosfera con tutte le piante del mondo a diventare una serra, bella grande, una signora serra; e proprio lei si sposerà col giardino più variopinto e strano, insomma un signor giardino! E saranno loro la signora Serra e il signor Giardino che terranno al guinzaglio la canicola di un'estate Alda molto Alda.

Una signora estate: proprio la signora Alda, che renderà buoni anche gli Apostoli, che diventeranno per l’occasione i Docili Apostoli. E tutti vivremo all’insegna dell’insegna e cioè credendo che si possa sempre essere imparati: istruzione o distruzione? Cigni o macigni? Assi o smargiassi?
Qui in mezzo tra il niente delle campagne e il nulla della natura l’insolenza del sole accecherà corvi taxisti che porteranno la fine del mondo da un posto all’altro in mezzo a colombe così dette bianche perché sepolte sotto la neve.
Uccelli ingombranti che volano col catetere, pesci con la flebo, gazzelle stampelle, gechi con accompagnatore, elefanti in carrozzine sempre rotte, farfalle con problemi ai denti che voleranno con l’apparecchio, asini che affolleranno i treni per poter deragliare ovunque e solo i militari disperati che prima della guerra lavoravano in ufficio riusciranno ad attaccare i nemici con la graffettatrice…
Finalmente si saprà quanto tempo ci mette un isola a toccare il suo continente a cui è stata accanto per secoli devotamente... Chissà perché ho un cogito interruptus in questo momento e mi viene da pensare a una cosa non brutta, bella ma non bella, su quell’isola ci sono solo un uomo e una donna che stanno copulando e lui nel bel mentre grida: "Ma sto facendo l’amore con un colbacco o non ti depili dai tempi di David Crocket?"

E poi, tutti completamente immaginati, avanzeremo a loro immagine e somiglianza…

Advertisement