I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

Gentili suggerimenti

di Gabriele Salvatores su Smemoranda 1999 - Va' a quel paese

Ci sono insulti e maledizioniche in realtà possono apparire come inviti, auguri e gentili suggerimentidi piacevoli esperienze. Benedizioni travestite.
Come se chi le pronuncia, in realtà, rivelasse la sua paura per qualcosadi nuovo o per un cambiamento o una mutazione Come se il maledicente augurasseal maledetto qualcosa che lui non ha il coraggio di fare e trasformassein insulto o maledizione un suo desiderio inespresso e irraggiungibile.
“Vai a cagare”, per esempio. è sicuramente un augurio incaso di stitichezza, ma è comunque un invito a liberarsi del superfluo,del passato, un saggio consiglio a non trattenere quello che ormai non servepiù, a sentirsi piùleggero e così via.
“Vaffanculo”, anche. è una cosa che può rivelarsimolto piacevole. Una variante erotica da non trascurare, in grado di suggerirenuove prospettive e diverse sensazioni. Comunque, l'augurio di un contattoprofondo.
“Vai a quel paese”, poi, appare davvero come una delle cose piùbelle che si possano augurare: un invito al viaggio! L'invito a spostarsi,conoscere e vedere persone e posti nuovi, il suggerimento a visitare unluogo “altro”. L'augurio di un'esperienza fatta attraverso ilviaggiare. La vera maledizione sarebbe: “Resta qui per sempre!”.

Advertisement