I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

C'è sempre il futuro

di Fabio Fazio su Smemoranda 2006 - Immagina che...

Io non riesco ad immaginare. Non riesco ad immaginare niente di più dell’immaginazione.
Immaginare è progetto, è già azione, è già tutto: è sinonimo di volontà. Immaginare è potere. Ho esagerato.
Ma se immaginare è indispensabile per fare, al contrario un fatto può esistere prescindendo dall’immaginazione.

Molti fatti e molte cose fatte, sono prive di immaginazione. Sono il prodotto della non-immaginazione. E per verificarlo basta guardare intorno senza bisogno di immaginare. Basta accendere la tivù e starci davanti per un po’.

Fare senza immaginare, è una buona definizione di volgarità: lo spreco, cioè, della possibilità.
Della possibilità di qualcosa di meglio, di una soluzione diversa, di una vita anziché di una non-vita, di una parola anziché di un silenzio, di un silenzio anziché di un frastuono. Immaginare è la possibilità del "bello" anziché del "brutto".
Come dire: la libertà. Della pace anziché della guerra.
Invidio gli artisti che immaginano perché sono artisti, che inventano forme, geometrie e suoni non riscontrabili.

Invidio tutti coloro che nella partita immaginazione contro realtà mettono l’uno fisso. E vincono.
Io mi accontenterei anche del pareggio.
Parlo di quella partita fra quel che immaginavamo per noi stessi e il nostro presente. E in ogni caso c’è sempre il futuro, da immaginare. Perché l’immaginazione è anche speranza.

P.S.
Immaginavo qualcosa di meno serioso ma… stavolta è andata così.
E immaginavo anche un finale diverso, una battuta. Ma la battuta finale è durissima da trovare. Mi venisse almeno una frase storica! Neanche quella!
I grandi uomini, soprattutto i grandi uomini politici, trovano sempre la frase storica al momento giusto.
E i comici, quelli veri, trovano sempre la battuta al momento giusto. Ma ormai tutto è cambiato.
Infatti spesso gli uomini politici diventano grandi se trovano la battuta finale e le frasi storiche, nel migliore dei casi, le lasciano ai comici per quei momenti in cui l’immaginazione non viene in aiuto.

Advertisement