I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Portami a Perugia

di Roberto Benigni su Smemoranda 1999 - Va' a quel paese

Ah amici di Perugia, che roba, ma la soddisfazione, l'erotismo, tutto del corpo umano che mi esce fuori, esplodendo in questa perugiosità della nazione tutta... 
Quanto tempo era che non venivo qua, in questa città. Una città così piena di perugini, e piena di amore verso la... ponziponzipà.
Fin da piccolo dicevo alla mia mamma: “Portami a Perugia”. Mi direte: non ci credo, non è vero, comunque... L'abbiamo buttata là perché nell'inconscio c'era questa Perugia. Mi direte: “Perché ami così Perugia?”. Eh chi lo sa! Non so perché! Sono quelle cose che nascono spontanee nel corpo e si elevano nell'animo perugino. Non è a caso che parlo così di Perugia, questa cittàdove c'è nato appunto il Perugino - vorrei vedere che il Perugino fosse nato a Lucca, che discorsi sono! dove c'è nato Sandro Penna, c'è morto Manzoni, ci s'è ferito Garibaldi, c'è rimasta incinta Nilde Jotti, c'ha fatto la pipì Pertini, c'ha mangiato Leopardi, ci s'è ferito Dante e chi più ne ha più ne metta e chi meno ne ha meno ne metta e chi ne ha così e così ma che ne metta così e così. Ma che cazzo me ne frega di quanto cen'avete! Lasciamo perdere Ah, questa Perugia! Cosa dire di questa Perugia amorosa? Ma lasciamo perdere il campanilismo, che ognuno c'ha i suoi eroi. Noi c'abbiamo la statua a Enrico Toti, che lanciò la stampella contro il nemico. Ma in Austria c'hanno la statua all'austriaco che ha preso la stampellata in faccia! Uno con un bernoccolo così, tutto è relativo. E poi 'sto centro storico: ogni volta che torno a Perugia, o c'è una via cambiata o una chiusa. Dalle cinque alle sette, dalle otto alle nove, dalle sei alle sei meno un quarto. Non ci capisco niente! O si apreo si chiude! Con il centro storico di una città è come avere un rapporto erotico con una donna! Non è che mi puoi fare avvicinare al centro e poi 
“No, qui no, fermo!”
“Eh?”
“No, qui c'è troppo traffico!”
“E allora dove vado? Mi fai passare di dietro? La città è come una donna, eh”
“Corsia preferenziale? Come? Tu sì e io no, come sarebbe? Io rimango qua e tu là, eh Bisogna aprire 'sto centro storico”
Amici di Perugia, mi viene una voglia di sdraiarmi ignudo in mezzo al popolo perugino. Che soddisfazione. Bestia della miseria da quanto tempo volevo venì a Perugia.

Advertisement