I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Midway

di Sylvie Coyaud su Smemoranda 1999 - Va' a quel paese

A spanne sta nell'OceanoPacifico, a metà tra l'Asia e l'America. Perciò dei geografiprivi di fantasia hanno battezzato quell'arcipelago “Midway”,“a mezza strada”. Voi sulla cartina cercate le Hawaii, da Honolulurisalite verso gli isolotti a nord-est: Necker, La Pérouse, quellariga è il Tropico del Cancro, Garner, Laysan, Lisianski. Ancora unpaio di millimetri piùsu a sinistra, c'è una dozzina di isole,le Midway. 
Quelle del film. 
E' il 2 giugno 1942. Le truppe invincibili dell'Imperatore-Dio Hiro-Hitohanno già conquistato la Manciuria, la Cina, Hong Kong, la Corea,la A Birmania, la Melanesia, la Micronesia, un bel po' di Isole Marshall.Ma non ancora le Midway dove, sullo sfondo di spiagge bianche, lagune blue palme verdi, una manciata di valorosi marines resiste come Astérixnel villaggio gallico, per ora alle scottature. All'improvviso si senteun rombare di aerei. In testa una fondina di latta coperta di reticellae fogliame, John Wayne abbaia degli ordini a un branco di smidollati: “Ripiegarel'asciugamano, avvitare il tappo del Coppertone, ai posti di combattimento.”
6 giugno 1942, si fa il bilancio. Morti: giapponesi 4.800, americani 300.Aerei abbattuti: giapponesi 275, americani 0 (il giovane deriso perchéparlava con la foto della fidanzata prima di addormentarsi non èdisperso in mare, dopotutto; lo vediamo azzeccare per un pelo la pista d'atterraggioappena prima dei titoli di coda). Navi affondate: giapponesi 17 di cui 4portaerei, americane 2 di cui il gioiello della flotta, la portaerei Yorktown.
Per oltre quarant'anni, nelle Midway rimane un unico contingente di marinesa guardia di un bidone. Nel bidone c'è il carburante per gli aereida ricognizione prestati dalla US Navy agli scienziati che misurano i flussiatmosferici sulla scia della famigerata corrente El Niño.
Come altri luoghi abbandonati dopo il disastro - zona demilitarizzata trale Coree, giungla tra Laos e Vietnam, striscia dell'ex cortina di ferrotra le due Germanie, foresta di Cernobyl o bosco di Seveso - le Midway sonopiene di animali: foche monache, delfini, e soprattutto albatri. Attenzione:non le procellarie da strapazzo che s'incontrano anche da noi. Qui si staparlando delle grandi diomedee della poesia ottocentesca. Di notte dormono- forse - sedute sul mare, di giorno riempiono il cielo e spaccano i timpani.
A maggio i pulcini si aggirano a migliaia sulla sabbia, bianchi sullo sfondodella laguna blu e delle palme verdi. Grassi, lanugginosi e goffi, pigolanoincavolati perché continuano a inciampare nelle ali, le proprie equelle dei vicini, e non riescono a decollare. Prima che soffochino perla rabbia, arrivano i genitori - altezza media un metro e settanta, aperturaalare quattro metri, quattro metri e mezzo - e gli spiegano come si fa avolare.
Poi arriva anche la stagione dell'amore. Monogamico: le diomedee vivonocon lo stesso partner per tutta la vita. Se lei muore prima, lui si lasciamorire. Invece le vedove tendono a mettersi insieme. Ma sono poche perchémaschi e femmine muoiono piùo meno alla stessa età, attornoai cinquanta.
Non ci credete? Andate a controllare di persona. Dal 1994 le Midway sonoun'oasi faunistica dello United States Fish and Wildlife Service, che l'haaperta al pubblico dal 1997. Le stagioni migliori sono la primavera e l'estatequando le diomedee superano il milione. Ancora mancano il comfort modernoe i negozi di souvenir, quindi si spende poco e addirittura niente se cisi arruola. Non nei marines, spiritosi, nella Società oceanica statunitenseche cerca dei volontari per studiare gli animali.
Non c'è la fila. Per via di un particolare sconveniente che mal siaddice alle eleganti, altere, stupende diomedee: cacano in volo come banalipiccioni. Nelle ore di punta, pare di tornare ai bombardamenti del 1942,con la colonna sonora che fa ciac-splash invece di vrum-bum. Un'unitàdi guano fresco pesa all'incirca venti volte quella del piccione nostrano.Le foche monache non ci fanno caso, scivolano in acqua, si danno una scrollatae via ma voi, come John Wayne, portatevi l'elmetto con reticella e frasche- queste sostituiscono il sacchetto di plastica che sarà lavabile ma inquina - e sortez couverts.

Advertisement