I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Tuttattaccato

di Ivan Della Mea su Smemoranda 1998 - Cattivi pensieri

Figli miei come si scriveva una volta quandonon cerano i pc ma cera il pci vi voglio bene perché sì equesta è unottima ragione e vi voglio bene anche perché genovaper noi milano fatti suoi venezia per voi per me forse di piùconqualche chìui immeno poiché questa è la sison que seama la voglia de amar e quindi si ama come disse per esempio santagostinodi sua bisaccia beccaccia tu sai quanto tiamo anche di piùdi quandolo so io men però lo scopro tra un grattaevinci subito dopo il grattasubito prima del vincimaiè facile amare in riva al mare quando sabbrunaa luna aperta amumpò se ti riesce sopracoperta di un terracielo anolo il cesso a scolo con lorganetto in darsena e la caldaia a farsela acoro colla talpa manifesta e rivoli a rivoler rivolta roba che cambia ipassaggi a revelli colla rivolunzione i todas las cosas estan clara tambienvabbempensar pensiercosì gerrililiuis detaimveiarecenginnnng bastai asta al sì mental che tira quattro paghe per il lesso oh sìaccàpiùdunèffesso pàsol in testa annesso e vitaa cesso passata è la tempesta gnornò leogiacòm encorlammerdesmoderasattesta oben ossì savà e alor ailàvla clerfontèn ornaraldìdifestailpettoeilcrine incontrolàovesiperdeilgiornolo mismo che fuèechesaràelcomunismo tengo chiarezza finallanoiapotrei morire claro ma ho lanimallocchi di bambi zampe da lepramara lunghiappanmusoschizzosuciglio di coniglio volaterra zompa e gnun lafferra pace fratellisulla prona terra 'a'm'a'r'a' e amaro addio a te maripersempre fiore zittoritto fitto dovoecipolla fritto alla memoria questa bastardi è storianomi e vita uno per poro uno e un per pelo fassi in sulluscio a rimirarlocielouno forever dentro lì ti fugge un io e un altro io me ti chiama iodentro ci vai ci stai ci fai il tuo gioco ci siano le nostre ore dietroci si può stare occhei piotrepietro col c dù palle ci si pisciassecchiosipisciavecchio azzo e fradiciato e cerco in vano ellò dimenticatolo stendbaimi è cosa di famiglia ve voeuri ben putei diufàcosì perché i c soazzi miei ellè fatica amar gli ebreii farisei e gli arimatei gli ombrei i cananei i nèi gli dèie i canazei e gli ortisei gli scarabei amo gli osei i bei i miei amo chisei al sei per sei pietrancolui sarancalei amo lamore a trentasei allegrandanteo loffiomogio io mellambrogio sto mica male sì còdroipo furlanper dir stomicaben còdio stomal sto sì sto no sto io sto comesto. Ho male all'orologio.

Advertisement