I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Cattivo pensiero anziano

di Lia Celi su Smemoranda 1998 - Cattivi pensieri

Vede, signorina, non esistono cattivi pensieri.
Il Cattivo Pensiero Anziano ebbe uno scatto di stizza: “L'avete sentito,il barbagianni? Adesso dice che non esistiamo.”
Non c'era piùun minuto di pace per lui e per i suoi compagni daquando quella stupida ragazza aveva deciso di andare dall'analista. Eranoi Suoi Cattivi Pensieri, abitavano nella sua psiche da una vita, eppurelei non aveva il minimo scrupolo a consegnarli uno a uno, seduta dopo seduta,nelle mani di un saccentone secondo cui non erano che “coperture didesideri nascosti”.
“Come impostori, ci tratta! si lamentava il vecchio Pensiero. La scema gli dice: Dottore, a volte penso di volere andare a lettocon il ragazzo della mia migliore amica. E lui: è solo perchélei cerca di ottenere le attenzioni che non ha avuto da suo padre. Balle.Lo conoscevo bene, quel Cattivo Pensiero lì. Se quello era desideriodi attenzioni paterne, io sono un capitello corinzio.”
“Ormai siamo rimasti pochissimi rilevò cupamente un altroCattivo Pensiero. Se continua così quest'anno la partita dipsicocalcio Cattivi Pensieri-Pensieri Positivi rischia di saltare.”
“A me non ha avuto ancora il coraggio di rivelarmi sogghignòun Pensieraccio che si vantava di essere perseguitato dalla Censura Interiore. Sono il Pensiero di andare a letto con l'analista.”
“Ma per un paziente è normale immaginare di andare a letto conl'analista!” tuonarono in coro i compagni, delusi.
“Non immagina di andare a letto con il suo analista precisòil Pensieraccio, ma con quello del suo fidanzato. è per questoche quella sciocchina si vergogna a parlare di me al suo strizzacervelli.Ha paura che si offenda.”
Una ciarliera Riflessione Malevola volle unirsi al gruppo: “Ciao, ragazzi! cinguettò Sono il Pensiero che l'analista è untruffatore e che farsi pagare centomila lire per starsene in poltrona asnocciolare banalità è un vero furto.”
Fu respinta in coro: “Buuu! Via la maschera, Buon Senso, ti abbiamoriconosciuto. Tornatene nel tuo territorio, qui ammettiamo solo CattiviPensieri Doc.” Ma all'improvviso, un Cattivo Pensiero giovane e nerissimocominciò a tremare. “Oddìo, lei sta per parlare di meall'analista mormorò, No, no Aiuto!”
Dottore, a volte penso che sarebbe meglio che non fossi mai nata. Il PensieroAnziano abbracciò il Giovane: “Scampato pericolo. Era solo unPensiero Stupido, mentre tu sei un'onesta Fantasia Suicida.”
Un Pensiero Cattivello (era “la prossima volta, col cavolo che votoPds”) si avvicinò timidamente all'Anziano e domandò comesi faceva a distinguere fra Cattivi Pensieri e Pensieri Stupidi.
“è facile spiegò il Vecchio. I Pensieri Stupidisono pieni di verbi al condizionale, segno infallibile di poca serietà.Oppure tendono a trasformarsi subito in azioni. Ecco perché la gentecommette piùspesso azioni stupide che veramente cattive.” Intanto,fuori, l'analisi continuava.
I miei genitori non mi volevano, dottore, lo penso spesso.
“Sentito? Addio, amici singhiozzò un Cattivo Pensierouscendo dal suo nascondiglio, un grosso Senso di Colpa lo sapevo cheoggi toccava a me.” E anche se fosse, signorina? Lei è qui eadesso, unica e irripetibile. Non deve considerarsi un prodotto della volontàdei suoi genitori. Il Cattivo Pensiero smascherato già si dissolveva.Una Congettura Maliziosa che si dondolava su un neurone disse: “Sapetequal è il vero problema? Questa cretina è andata dall'analistaperché pensa che senza di noi starà meglio. Ci crede oggettimateriali che rotolano nella sua scatola cranica, come massi durante unafrana, mentre noi siamo incorporei, volatili, innocui moti della sua anima.Siamo lei, insomma.”
Ah, non devo considerarmi un prodotto? Come se fosse facile! Dottore, pensoproprio che lei mi consideri una paziente di serie B.
“è venuto il mio turno. è stato bello, compagni”disse filosoficamente la Congettura Maliziosa, scomparendo.
Non era una seduta psicanalitica, era un massacro. I Cattivi Pensieri superstitisi strinsero impauriti intorno all'Anziano, maestoso e aggrondato come unpatriarca biblico. La tesi espressa dalla Congettura li aveva profondamentecolpiti.
La Fantasia Suicida si guardava intorno con occhi febbrili: “èuno di noi! urlava Lo so!”
“Ma chi?” chiedevano i colleghi, sconcertati.
“Il pensiero che senza di noi lei starà meglio. Che siamo massiche rotolano. è un Cattivo Pensiero, il piùCattivo. Si nascondefra noi! Ci distruggerà tutti! Vigilanza!”
Il gruppetto fu assalito dal panico. In mezzo a loro c'era un traditore?I Cattivi Pensieri si guardavano l'un l'altro in faccia, in cerca di indizi.Solo l'Anziano rimase calmo. “Suvvìa replicò bonariamente, sei una Fantasia Suicida o una Mania di Persecuzione? Ma quale traditore,siamo tutti sulla stessa barca. Il vero nemico sta là fuori, èquel fottuto analista. Se noi Cattivi Pensieri non restiamo uniti, in unmomento come questo “ Gli altri Pensieri furono d'accordo. Tiraronoil fiato e si nascosero meglio fra le sinapsi, in attesa degli eventi.
Nessuno notò che sulla faccia del Cattivo Pensiero Anziano era apparsoun sogghigno feroce.

Advertisement