I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Le confessioni di Crudelia

di Margherita Giacobino su Smemoranda 1998 - Cattivi pensieri

Dio, che fatiiica fare la cattiva! E' semprestato un mestiere ingrato, devi sobbarcarti tutte le nevrosi dei buoni,che sono così fragili, contradditori, lamentosi, bugiardi, cosìattratti dai cattivi, non possono vivere senza di loro se no comefarebbero a dimostrare di essere buoni? ma non possono neanche viverecon loro, e anche se potessero, saremmo noi a rifiutarci, c'è unlimite a tutto. Così alla fine bisogna far finta di morire per farlicontenti, se no dove va a finire l'happy end consolatorio? Una vita di sacrificio.
Ma negli ultimi tempi è diventato impossibile. Ormai i cattivi nonvanno piùdi moda, sono troppo impegnativi: siamo stati soppiantatidagli psicopatici e dai dilettanti. Guardatevi attorno: genitori che uccidonoi figli, figli che massacrano i genitori, uomini maturi in doppiopetto oin divisa che fanno stragi in famiglia per sentimentalismo: è iltrionfo della bontà. Perfino i mostri, poveri cari, squartano e torturanoperché hanno sofferto la solitudine da piccoli, davanti al televisore,mentre il papà picchiava la mamma in cucina e il nonno violentavala sorellina giù in garage. Non è commovente? E che dire diquei bravi giovani poveri di istruzione primaria e ricchi di ormoni impazzitiche ammazzano qualcuno a caso, con la stessa eleganza con cui si schiaccianoi foruncoli? Per non parlare dei killer di infima categoria che praticanoil tre per due o lo sconto famiglia: è il discount del male.
E le donne? Dove sono finite, oggi, le cattive? Dove sono le streghe, ledonne fatali, le black ladies, le bitch, le vampire, le malefemmene, lacui rovina finale era assolutamente indispensabile a dare sostegno e confortoall'ego maschile, ma la cui presenza poteva pur sempre fornire qualche spuntocreativo alle donne piùintraprendenti? Dallo psicanalista, eccodove sono. O disoccupate. Oppure sorte peggiore della morte si sono convertite a qualche religione, e stanno molestando attivamenteGesù Cristo, Budda, Khrisna e altri poveracci che non chiedevanodi meglio che restarsene un po' in pace tra uomini, come hanno sempre fatto.
Che disastro. Di questo passo, finirà che non esco piùdicasa. Rischierei di non essere riconosciuta, e di venire scambiata da qualchebenintenzionato per una vittima potenziale. Io, la cattiva per eccellenza.Che tempi.
E pensare che, quand'ero giovane, per diventare cattiva ci voleva costanza,intelligenza, astuzia, cultura, talento oltreché naturalmente illook giusto e una dizione appropriata. Ma non bastava neppure questo: civoleva quel non so che, quell'appeal, quel certo sguardo (avete presenteBette Davis in Che fine ha fatto Baby Jane?), insomma il fuoco sacro, lavocazione al Male (che nostalgica, lo scrivo ancora con la maiuscola!)
Sì, ormai siamo rimaste davvero in poche. E, come dicevo l'altrasera, mentre prendevo il tè con le mie amiche Lucrezia (Borgia),Carmilla (la cugina piùgrande di Dracula) e Milady (la talent scoutche ha lanciato i Tre Moschettieri) abbiamo tutte i nostri annetti. Cosadi cui non ci lamentiamo, visto che con l'età si diventa esigentie ci si annoia facilmente, e i giovani, si sa, devono ancora inciamparein tanti luoghi comuni prima di imparare a percorrere con disinvoltura lastrada del male (quella del bene non c'è problema, ormai èun'autostrada, ci passano tutti, ma proprio tutti, ci s'incontra certa gente!)
D'altra parte, un po' di novità, o di sangue fresco, per usare l'espressionedi Carmilla, non guasterebbe. Ma dove trovare le nuove leve? Milady, lanostra esperta sociologa e politologa, dice che secondo lei non c'èniente da fare fin dopo il 2000. La storia insegna: a ogni fine di secolo,e non parliamo poi dei millenni, la cattiva coscienza del mondo occidentalesprigiona angeli, anime e spiritualità come una centrale atomicacoi muri di cartone. Immaginiamoci i miasmi! Ucciderebbero qualunque fermentodi vita intelligente nell'universo!
Insomma, non ci resta che aspettare. Che noia.
Ma lo sapete come vanno le cose quando due o tre cattive si mettono insieme:diventano perfide. Abbiamo deciso di farvela pagare. E come? l'idea èstata della matrigna di Cenerentola, che è arrivata piùtardi,stremata, dopo aver affidato i nipotini alla sua baby-sitter di fiducia,Frankestein. Basta, ragazze, non ne posso più! ha esclamato. Da quandoCenerentola ha scoperto che il Principe Azzurro e Barbablù sono lastessa persona, si è data al bere, e a me tocca fare la nonna! lanonna, capite! è squalificante, mortificante, e poi non posso neanchemangiare i bambini, sono così indigesti! Sapete che vi dico? io sciopero.
Certo, scioperare! Andarsene in un bel posticino tranquillo e piacevole,come la Siberia del Nord, o la Tasmania non ci piacciono i paesaggi da cartolinae abbandonare il mondo al suo destino! Ci rivedremo dopo il 2000 ameno che la terra non esploda prima, per effetto della letale miscela dibuoni sentimenti e cattive azioni che costituisce l'atmosfera attuale delpianeta.
In tal caso, a dopo la catastrofe. Sempreché i superstiti, se cene saranno, ci meritino.
Nel frattempo, addio.
Crudelia Demon

Advertisement