I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Le scarpe del Conte

di Roberto Benigni su Smemoranda 1998 - Cattivi pensieri

Il Cioni cerca vanamente di infilarsi un paiodi scarpe che gli stanno troppo strette.

Cioni:
Caro Conte Serristori, te tu 'un facevi niente e io ti davo mezza roba:mezzo grano, mezzo vino Ma oggi s'è vinto noi e voglio che si rimangacosì: eccoti mezza zappa e mezza vanga, ecco, ora lavora te, conte!A volte però sono anche buoni i conti, perché per esempioil conte Serristori a me mi vòle bene quando mi vede mi fa: "Cioni,vieni qua, imbecille!" Me lo dice sempre per scherzo mi dice: "Senti,ho comprato queste scarpe e siccome mi stanno strette, visto che tu haidu' bei piedotti, mettile per du' giorni almeno, così tu me l'allarghiun po', che poi ti do tremila lire. Sai, io siccome l'ho pagate centomilalire" Allora io gli ho detto: "Grazie, signor conte, se ne avessebisogno anche la su' moglie di qualche allargatina" E lui mi dice:"Sta' zitto, scemo che tu scherzi sempre" Guarda qua che bellescarpe, sono scarpe da conte conte Cioni (si infila le scarpe). Piacere,conte Cioni! Accidenti a lui, ma come si fa ad allargarle? O che numeroporta, il 12?! O che scarpe m'ha fatto mettere? Io non voglio mica E sista male, così! Non voglio mica, ragazzi, per tremila lire farmidiventare i piedi più piccini! Non mi starebbero bene piùneppure le mie di scarpe Centomila un paio di scarpe e noi del popolo tremilaper allargarle Quanto l'ha pagate? Centomila?! Dammele a me le centomilae te prova un po' ad anda' scalzo. Ma guarda che roba ragazzi, o che sonoquesti conti che si permettono tutte le privilegità, Maremma cane!Tutte le privilegità e loro stanno a canta' e noi ad allargarglile scarpe strette Canta canta e ora canto io per te! Ti venisse un malaccio.Ti venisse un accidente. Tu scoppiassi sul momento, tanto non capisci niente.Tu cascassi, ti venisse una paralisi alla spina dorsale. Ti morisse la moglie,ti morissero i parenti. Ti staccassero le gambe, ti levassero anche i denti,ti mancasse l'appetito per due settimane intere, ti venisse l'influenza,ci avrei tanto piacere. Dio voglia che i tu' parenti, fossero tutti bastonati,ti nascessero tre figlioli, tutti e tre mancamentati. Ti venisse la gotta,a te a tutti i tuoi parenti, accidenti alle tue scarpe e ai tuoi piedi puzzolenti.Ti tagliassero i piedi e dopo averteli tagliati, ti tagliassero le mani,perché s'erano sbagliati!

Advertisement