I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

Cattivi pensierini

di Stefano Bartezzaghi su Smemoranda 1998 - Cattivi pensieri

Esercizio
Prendete la parola cattiveria. Scrivetela con alcune vocali in maiuscolo:cAttIvEriA. Scambiate le posizioni di queste vocali: troverete delle cIttàvAriE. La cattiveria viene in città: le campagne varie sono invecebuone (Strano: chi è buono si dice “civile” e “urbano”;esistono invece le campagne belliche).

Test
Prendete la parola cattiveria. Dividetela lettera per lettera, e mettetele lettere in ordine alfabetico: A, A, C, E, I, I, R, T, T, V. Trovate un'altraparola composta dalle stesse lettere, ossia un anagramma.

1. Se avete trovato che la cattiveria è recitativa vuoldire che siete cattivi solo per finta. Siete nati buoni, ma vi hanno convintoche bisogna fare i cattivi. Sotto la rude scorza del lettore di fumettisplatter e potenziale affiliato a sette sataniche si nasconde un innocuogiuggiolone.

2. Se avete trovato che l'anagramma di cattiveria è creatività(bravi) dovete solo far mente locale. Preferite pensare che la cattiveriaporti creatività (2.a.) o che la creatività porti cattiveria(2.b.)? Le due cose non sono la stessa.

2.a Che la cattiveria porti creatività è convinzionedel marchese de Sade, della marchesa Merteuil, di Eugenio Bersellini (nomiche ai giovani diranno poco, ma la cronaca attuale offre pochi veri creativimalvagi, a parte Crudelia De Mon).

2.b Che la creatività porti cattiveria è convinzionedi chiunque abbia seguito le fasi di crescita di un bambino sfornato dallapedagogia della creatività. A tre anni erigono soavi architetturedi pongo. A diciotto anni, ammazzano i genitori tirandogli da un cavalcaviadell'autostrada un videogioco sul cofano della macchina.

3. Se vi è sembrato di poter trovare un anagramma comecivetteria vi siete sbagliati di poco, perché per arrivare a civetteriabasta partire da cattiverie (plurale). La civetteria è fatta di cattiverie:e torniamo al caso della bella perfida (Crudelia, la Merteuil, la Monacadi Monza).

Riduzione ai minimi termini
Si prendano i buoni e i cattivi. Si gettino i buoni, e si tengano i cattivi.
Si getti la prima lettera. I Cattivi diventano attivi, e in realtàlo sono sempre stati. I buoni sono un po' tonti e tardi, infatti arrivanoalla fine del film. I cattivi sono continuamente in attività, nonsi stancano mai (la madre dei fessi deve essere cattiva, perché èsempre incinta).
Si gettino altre due lettere. Dove sono attivi i cattivi? In T.V. (Ti, Vi):la televisione è piena di cattiverie che sono attive e colpisconoil buono spettatore passivo. Ci sono i morti e le guerre, i telegiornalipieni di delitti sanguinolenti, le pubblicità, le donne nude, gliuomini rudi.
Si getti un'altra lettera: la Tivì, con i suoi cattivi sempre attivi,è ivi: fra noi, in diretta.

Altri anagrammi
Nel gorgo della cattiveria qualcosa vi ci attrae.
Lasciamo parlare la menzogna: taci, Verità.
Senza misericordia: carità? Veti.
In mezzo all'autostrada tirate cavi.
Ci vuol poco, cosa vuoi che sia!: tac, evìrati.
Senza parole: etica Rai TV.

Advertisement