I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

Numeri prodotti e anima

di Walter Fontana su Smemoranda 1997 - Diamo i numeri

E ora, il resoconto del vostro affezionato numerologo in missione speciale al supermercato.
Uno. Il numero dell'individualità, del coraggio, dell'audacia, dell'ottimismo. E anche il numero del prodotto venduto in confezione singola. Una bottiglia d'olio, un pollo arrosto, una lavatrice, una tavoletta di cioccolato. Tutti generi affetti da individualismo. Non risulta siano mai state vendute lavatrici in confezioni da sei.
Due. Il numero dell'unione, dell'essere partner, della diplomazia, del tatto. Forse esiste un legame tra l'essere partner e quei prodotti tipicamente venduti in coppia: gli yogurt, le birre in lattina unite da un doppio anello di plastica (brindisi?), alcuni tipi di formaggio molle (duello a colpidi robiola?), qualche dentifricio, molte saponette e naturalmente tuttele ciabatte. Chissà.
Tre. Il numero della fantasia, dell'estroversione,del divertimento. Tre è il numero che contraddistingue lo spiritoartistico a anche le confezioni "da tre": gli omogeneizzati (trepollo, tre vitello, tre frutta mista), i succhi di frutta, molti tipi dibirra in bottiglia (da 33 cl., tra l'altro) e vari cioccolatini tipo rochero baci perugina (ma solo i baci grossi, quelli che hanno il foglietto contenentela frase idiota sull'amore che dopo aver letto e qualificato come idiotasi scopre che è di Shaw o di Rilke o di San Tomaso).
Quattro. Ilnumero della struttura, del metodo, degli esseri industriosi. Tra gli esseri industriosi si possono inserire i responsabili del reparto ortofrutticoloche hanno scelto uno stampo a quattro impronte per le loro vaschette sagomatedi polistirolo. Così si vedono esposti nei banconi bianchi: quattropesche cellofanate, quattro pere cellofanate, quattro palle cellofanatedi insalata rossa eccetera.
Cinque. Il numero del cambiamento, della libertà, dell'avventura. Qualità che, per qualche motivo, si riscontrano inprodotti confezionati "a cinque" vicino alle casse, nel genere"varie". Dadi da poker: cambiamento, avventura. I baci perugina piccoli: libertà (dal foglietto con la frase). I rasoi in plastica: avventura (l'avventura consiste nell'usarli senza ridursi una maschera disangue) e così via.
Sei. Il numero della responsabilità, dell'adattamento, della casa, della famiglia. Per una combinazione stupefacente, questo è il numero più rappresentato nel mondo delle confezioni familiari.Birra, coca, uova, bottiglie d'acqua in plastica da litri 1,5. Tutto ciò che è "da casa" è "da sei", forse perché il sei è sottomultiplo di un'antica e temibile autorità domestica:la dozzina.
Sette. Il numero della saggezza, del perfezionismo e dell'introspezione. Queste qualità intellettuali hanno procurato al sette un destinoben diverso dal sei, almeno al supermercato. Confezioni "da sette"ce ne sono poche. Per solidarietà e simpatia ricordiamo che sette lastrine sono tuttora contenute nei pacchetti di chewingum vecchio tipo,quelli pieni di zucchero, quelli che si saldano a ogni dente trasformandolo in una placca gommosa, e che sono impregnati del celebre sapore "aromi artificiali" alle origini del quale nessun medico legale è mai riuscito a risalire. Otto. Il numero dell'organizzazione, della concretezza,della praticità. Dev'essere stata la ricerca della praticitàa indurre il capo-supermercato a stipare otto bottiglioni di acqua minerale in un unico cellofan. Più praticità, più risparmio,e una leggera forma di ernia inguinale al momento di sollevare la conveniente confezione. Si segnalano anche una vaschetta di otto fichi secchi al fornocon mandorla e un cartone da otto mignon di liquori ignoti che imitano i liquori famosi: Fernet Braccia, Whisky Jack & White, Amaro Avercela e nomi così.
Nove. Il numero dell'universalità, del sentimento umanitario, della conclusione. Nella mia indagine tra gli scaffali, l'unicaconfezione contenente nove pezzi di qualcosa è risultata una bustadi bocconcini di mozzarella, e un bel multiplo (ventisette unità)l'ho riscontrato in un mazzo di rapanelli. Se in tutto ciò è difficile scorgere indizi di sentimento umanitario, appare invece chiaroche l'universalità è profondamente insita nel supermercatostesso, sterminata distesa palpitante di merci, luogo ove Ogni Cosa E',e se per caso Non E' , si può Ordinare. E dove i conti tornano cosìtanto che Tre (la fantasia) per Due (l'essere partner) fa sì Tre per Due cioè un'offerta promozionale per famiglia, ma fa anche Sei,cioè la famiglia in persona. Come sempre accade al supermercato,la logica è totale e il totale è la logica conclusione. P.S.Ho dedotto le notizie sulla personalità dei numeri da "Il destinonei numeri" di E. D. Young e C. A. Schuler (Ediz. Mediterranee), chepotete trovare in libreria in una pratica confezione da ventidue.

Advertisement