I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

Una domenica a Gardaland

di Gene Gnocchi su Smemoranda 1996 - Il mediterraneo

Siccome lunedì il maestro aveva detto che m'interrogava su tutto il Mediterraneo, domenica il mio papà voleva portarmi in gita con la mamma sul Mediterraneo. Ha cambiato l'olio e l'acqua alla nostra Ritmo azzurrina e ha fatto il pieno di diesel. L'idea del babbo era di partire da Fidenza e fare una tirata fino a Trapani, da lì prendere il traghetto per Bargyban e fare prima tutta la costa tunisina e poi quella marocchina passando per Annaba, poi Skikda, Béjaïa, Dellys fermandoci ad Algeri per mangiare un panino, poi Ténès, Mostaganem, Orano, Beni-Saf sino a Ghazaouet prima di entrare in Marocco per arrivare a Tétouan superare Gibilterra almeno fino a Tangeri, anche se io gli ho detto che lì è già Atlantico e l'Atlantico come programma non l'abbiamo ancora fatto. "Però tanto che ci siamo" ha detto il babbo. La mamma invece voleva arrivare fino a Siracusa e prendere il traghetto per Patrasso perché aveva visto le temperature sui giornali e Patrasso la davano a + 16 gradi e quindi lei poteva mettersi il vestitino beige con la giacchetta blu coi bottoni d'argento che le sta tanto bene. 
Da Patrasso la mamma pensava di arrivare a Akrìtas, Capo Matapán, Creta, Rodi, Megisto fino ad Aleppo e venire giù dalla Siria, che lì ha detto la mamma c'è la superstrada che va fino a Damasco e oltre, Porto Said in Egitto; solo che i casellanti ci mettono molto tempo a darti il resto e noi non so se ce la facciamo per lunedì. Il babbo non era d'accordo e hanno cominciato a litigare che io ero già in macchina e studiavo la cartina. Si sentivano le urla dalla strada e molta gente si fermava per guardare su verso la nostra finestra ma per fortuna non è volato giù niente.
A mezzogiorno è venuta giù la mamma con gli occhi rossi e dopo dieci minuti il babbo con un occhio nero. Siccome non c'era più tanto tempo siamo andati a Gardaland.
Io mi sono divertito molto e ho anche avuto il culo che lunedì il maestro aveva la febbre e il supplente sul Mediterraneo non ha interrogato.

Advertisement