I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Una domenica a Gardaland

di Gene Gnocchi su Smemoranda 1996 - Il mediterraneo

Siccome lunedì il maestro aveva detto che m'interrogava su tutto il Mediterraneo, domenica il mio papà voleva portarmi in gita con la mamma sul Mediterraneo. Ha cambiato l'olio e l'acqua alla nostra Ritmo azzurrina e ha fatto il pieno di diesel. L'idea del babbo era di partire da Fidenza e fare una tirata fino a Trapani, da lì prendere il traghetto per Bargyban e fare prima tutta la costa tunisina e poi quella marocchina passando per Annaba, poi Skikda, Béjaïa, Dellys fermandoci ad Algeri per mangiare un panino, poi Ténès, Mostaganem, Orano, Beni-Saf sino a Ghazaouet prima di entrare in Marocco per arrivare a Tétouan superare Gibilterra almeno fino a Tangeri, anche se io gli ho detto che lì è già Atlantico e l'Atlantico come programma non l'abbiamo ancora fatto. "Però tanto che ci siamo" ha detto il babbo. La mamma invece voleva arrivare fino a Siracusa e prendere il traghetto per Patrasso perché aveva visto le temperature sui giornali e Patrasso la davano a + 16 gradi e quindi lei poteva mettersi il vestitino beige con la giacchetta blu coi bottoni d'argento che le sta tanto bene. 
Da Patrasso la mamma pensava di arrivare a Akrìtas, Capo Matapán, Creta, Rodi, Megisto fino ad Aleppo e venire giù dalla Siria, che lì ha detto la mamma c'è la superstrada che va fino a Damasco e oltre, Porto Said in Egitto; solo che i casellanti ci mettono molto tempo a darti il resto e noi non so se ce la facciamo per lunedì. Il babbo non era d'accordo e hanno cominciato a litigare che io ero già in macchina e studiavo la cartina. Si sentivano le urla dalla strada e molta gente si fermava per guardare su verso la nostra finestra ma per fortuna non è volato giù niente.
A mezzogiorno è venuta giù la mamma con gli occhi rossi e dopo dieci minuti il babbo con un occhio nero. Siccome non c'era più tanto tempo siamo andati a Gardaland.
Io mi sono divertito molto e ho anche avuto il culo che lunedì il maestro aveva la febbre e il supplente sul Mediterraneo non ha interrogato.

Advertisement