I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Pensione Mediterraneo

di Giorgio Boatti su Smemoranda 1996 - Il mediterraneo

Anche i mari, si sa, invecchiano. E, con l'età, cambiano fisionomia: il Mediterraneo, nel secolo che verrà, non farà eccezione. 
Confrontate i vostri vecchi atlanti del 1995 con le immagini, naturalmente in ologramma (proiezioni laser), evocate dagli atlanti in CD-Rom in voga nel 2045. Ad occhio e croce, sarete prossimi alla pensione: vicini a festeggiare il vostro sessantesimo compleanno.
Chiamerete dunque a voi i vostri nipoti. Seguirete il loro indice quando, sfiorando con un solo tocco lo schermo dell'Olo-Atlante, richiameranno l'immagine del pianeta.
Così eccovi davanti l'immagine del globo terrestre. Un computer super intelligente decodifica comandi vocali.
Non appena pronunciate la parola "Mediterraneo" si attiva. Eccovi davanti - ripreso da satellite, sintesi monitorata nel corso delle ultime ventiquattro ore - l'intero Mediterraneo.
Un tempo - anche visto dal satellite - il Mediterraneo di notte era nero come la pece: tranne che per le luci delle città sulle coste. Le luci dei grandi centri ci sono ancora: Genova è lassù, un milione e mezzo di abitanti, un terzo italiani e due terzi maghrebini che hanno dato man forte al decollo di quella che, con Napoli, è diventata la più importante città araba del Mediterraneo occidentale. Con Marsiglia e Barcellona formano il cosiddetto Quadrilatero del cuscus. Un tempo, sul finire del millennio, erano solo le tribolate mete dell'emigrazione araba. Ora, invece, sono metropoli multirazziali, le più vivaci e ricche dell'intero bacino.
Il mare, appena sotto, è punteggiato da fonti luminose fortissime: quelli che sembrano fuochi artificiali sono i vulcani sottomarini ritornati in attività, nel basso Tirreno, dopo il sisma del 2002: fece un mucchio di danni, ma, ironia della sorte, unì la Sicilia al continente rendendo inutile la costruzione di quel ponte, sullo stretto di Messina in progettazione da qualche decennio.
I bagliori dei vulcani in eruzione s'accostano a fonti luminose - d'un azzurrino che tende al verde - schierate davanti alla costa africana. Sono gli impianti per l'estrazione degli immensi giacimenti di gas naturale che costellano il Mediterraneo meridionale. Se pensate che, per quelle lucine, nel 1998 è scoppiata anche una guerra tra la Libia e Algeria e Tunisia vi rendete conto di quanti soldi si pompano da quelle parti. Peccato che non se li godano i paesi interessati ma quella "Repubblica Islamica del Mare Aperto" che, di fatto è stato il primo stato non territoriale del Mediterraneo. E quando si dice non territoriale si vuol proprio dire che non ha terra. A meno di voler definire con questo termine le dozzine di amplissime piattaforme - la più piccola con l'estensione di una dozzina di portaerei affiancate - dove hanno sede la capitale e gli uffici di questo stato "virtuale", il più ricco tra quelli che s'affacciano su queste coste.
Altrettanto ricco è lo Stato Confederato di Gerusalemme e Cipro dove arabi e israeliani, finalmente integratisi gli uni agli altri, sono diventati il punto di riferimento a cui fanno capo anche il Libano, la Siria, la Grecia e l'Egitto (con la Turchia il paese più popoloso del bacino). La Confederazione è governata da un faraone ebreo che si chiama Mosé III.
Se spostate lo sguardo del satellite verso l'Adriatico vedete il buio più buio. Nessuna luce: dopo le guerre balcaniche durate tre decenni quelle terre sono frammentate in principati, basate su economie elementari dove anche l'energia elettrica è un lusso. Splendono solo le luci delle isole dalmate acquistate da un fondo pensioni tedesco. Di fatto il clima è buono e, il costo della vita, ridicolo.
Tokio, per i suoi anziani in pensione, si è comprato invece le Baleari, le isole dell'Egeo e - per la Cappadocia - ci sono trattative in corso. L'Inps, con la riforma decollata nel 1996 ai suoi pensionati offre l'Abania e il Marocco. I vostri amici, che vi aspettano lì per il prossimo anno, si trovano bene. Talvolta hanno nostalgia.
Di cosa? Ma dell'anno scolastico 1995-96, naturalmente.

Advertisement