I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Razio cigno ed altri animali

di Alessandro Bergonzoni su Smemoranda 1995 - Con il cuore e con la mente

Può succedere che ci si ami solo con le dita. Una brail story di indecenza, quando l'amore è cieco (occhio non vede cuore non s'offre?) 
Ma chi l'ha detto? L'ho detto io. 
Adesso. E dico anche che la razionalità non è feconda a nessuno; non produce, ma al massimo moltiplica. E c'è la sua bella differenza. E io di solito mi innamoro delle belle diffrenze, ovvero copulo nella diseguaglianza. Dimostralo se sei capace può dire qualcuno.
Non sono capace. Se il cuore è la casa dell'istinto la mente è il suo albergo a ore, non resta più di una notte più di un amplesso: il così detto amplesso di Edipo, che si tramanda di padre in foglio solo scrivendo di generazione in generazione. 
Prendiamo per esempio un falco; prendiamo il falco. Prendiamolo. Non ci riusciamo? Allora prendiamo una lucertola (dovremmo riuscirci più facilmente). La lucertola è l'animale più razionale per eccellenza: non sporca non strafà non perde mai il controllo, non beve non fuma non si droga, non è invidiosa... 
Prendiamo invece l'uomo, l'uomo della porta accanto, l'uomo del bar, l'uomo di Ines, l'uomo della strada, che ha lasciato la piazza per starsene con una via e sicuramente una via di mezzo, che contraddistingue la razionalità di chi conduce una vita per mano fino alla morte.
Prendiamo la morte: è tutta cuore, senso, carne, va con tutti, parla tutte le lingue, è immortale, è immorale. Lei sì che è irrazionale e anche stupendamente idiota; corre a duecentoventi chilometri l'ora ma è capace di farlo immobile su una gamba sola e bella. Conosce tutti, è femmina è maschio è la dimostrazione cartesiana ed eunuchea che senza una pompa come il cuore non può arrivare acqua al cervello ma al massimo può scendere acqua dal Cervino.
Infatti i monti sono razionali, il mare no; e così è anche nel lavoro. Nel lavoro o anche nel lavoro. Volete un esempio? Non l'avrete. Volete una bella bugia? Ecco questa mi è più facile. Un giorno due o tre mesi fa non ricordo bene altrimenti ve lo direi, mi ferma una donna sui quarantacinque e mi dice: "Faresti l'amore con me qui adesso su due piedi?"
Il cuore mi diceva "Didisì" la mente mi diceva "Didino"
Un passante mi disse "Fa' quello che vuoi ma scansati che devo passare" Mio suocero mi disse "Provaci e vedrai" Il mio allenatore mi disse "Puoi farcela!"
La mia squadra mi disse "Uniti alla meta..."
Il mio parroco disse "Da quanto tempo non ti confessi?"
Il mio benzinaio mi disse "Acqua olio... tutto a posto?"
Strappai quella pagina dal mio diario mentale e feci come se nulla fosse successo. Questa storiellina ci insegna niente e credo che da questa base si possa partire per arrivare a bomba. Infatti se segui l'istinto puoi prevedere le sue mosse ma se lo superi lui ti può abbandonare e tu non te ne accorgi. Perché? Perché di sì.
E' troppo divertente non spiegare e non spiegarsi, né col cuore né con la mente; l'importante è farlo con quel pizzico di idiozia che fa sì che chi ti ascolta e ti giudica non riesca ad ascoltarti e a giudicarti.
A e B sono complementari, ma se C e D non sono nelle vicinanze non sono nulla. Tre è un numero perfetto. Enne è la lettera imperfetta: a detta della emme è hendicappata perché le manca una gambina. Enne sostiene invece che emme è un mostro perché ne ha tre.
Achidar ragione? Achidar torto? Achidar?
A chi dire che il cuore a carnevale non si traveste ma che la testa è bella piena di coriandoli? Forse in un film o in un film. Chessò, in un film... ma chissà dove ci porta il ragionamento: a me porta sempre dove mi ha già portato il cuore, e di solito lì mi hanno già portato più di una volta le mani (le mie e quelle degli altri: cfr. il testo Vado a tentoni torno a tastoni).
E quando capita che arrivi prima il corpo poi il cuore e alla fine la mente, allora son dolori, sofferenza arcobalena: tutti i dolori dell'iride.
Io non faccio mai niente se prima ci ho pensato. Io dentro al margine d'errore ci sguazzo; come un'anguilla a Comacchio, così come un centro tavola senza mira delude il Dio Soprammobile. Do you understund my swite iltelligence service?
P.S. Un fantasma non potrà mai tornare sui suoi passi: aiutalo tu cambiando il suo lenzuolo almeno una volta la settimana!

Advertisement