I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

Lei o lei

di Dario Vergassola su Smemoranda 1995 - Con il cuore e con la mente

C'è una cosa che sconvolge tutte le regole di comportamento nelle persone. Questa "cosa" è l'innamoramento. 
Qualunque tipo di educazione, religione e cultura tu abbia avuto, qualsiasi tipo di approccio politico e qualsiasi ceto sociale tu abbia frequentato non avrà più nessuna influenza sulla tua razionalità, perché nel periodo dell'innamoramento il tuo cervello è completamente partito per un'orbita attorno a Plutone e per sei mesi circa non farà più ritorno.
L'esempio più lampante è un mio amico, Ferruccio, il più grande esperto di macrobiotica di La Spezia, vegetariano convinto, ecologista non violento e amante della musica classica. Si è innamorato della figlia di Beppe il macellaio che fa la commessa nella macelleria del padre e la sera balla sopra un cubo luminoso per cinque ore in una discoteca in Versilia. Be', non ci crederete, ma da quando Ferruccio la frequenta è diventato il buttafuori in quella discoteca, gira su una Prinz verde 1200 diesel che inquina più di una centrale Enel e sembra sia diventato un grande mangiatore di carne di maiale, al punto che sotto il giubbotto si è messo due cartucciere tipo Pancho Villa cariche di salsicce per ovviare alla fame nelle lunghe sere fuori dalla discoteca.
Anche a me è successo qualcosa di strano, mi sono innamorato di Camilla, una ragazza a modo, di buona famiglia, ricca e carina. Camilla andava a danza e io per poterla incontrare mi sono iscritto all'Arci danza, Camilla andava a ceramica e io mi sono iscritto all'Arcimboldo, Camilla suonava il pianoforte e io mi sono iscritto ai corsi dell'Arci musica. Ho scoperto che l'amavo veramente quando un giorno sono andato a prenderla all'uscita dell'Arci yoga con la macchina nuova; lei è salita ma mentre facevo manovra mi ha riaperto la portiera spiaccicandola contro un paracarro. Camilla mi ha guardato imbarazzata e mi ha detto: "Scusa mi dispiace" e io "Ma figurati cara, per così poco". Pensare che per molto meno avrei potuto uccidere mia madre.
Ricordo che durante l'innamoramento facevo veramente delle pazzie, arrivavo quasi a lavarmi i denti tutti i giorni.
Ora sono di nuovo me stesso, non esco più con Camilla che era biondina, colta e bella ma con Samantha che è mora, un po' volgare e ignorantotta; non rieco a capire come ho potuto cambiare così repentinamente i miei gusti, ma credo che il fatto che Samantha sia ninfomane-contorsionista e multiorgasmica abbia avuto il suo peso.

Advertisement