I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Viva la gente

di Marina Terragni su Smemoranda 1995 - Con il cuore e con la mente

E' talmente banale, il male. Il caro collega che gioisce per un tuo guaio: "Ma davvero", arrotonda la bocca malcelando un sorriso, "Sapessi quanto mi dispiace... ". 
La maligna gioia che ci invade, spaventandoci, di fronte alle disgrazie altrui. Perché il gene, si sa, è egoista. Siamo programmati, ha ben spiegato Richard Dawkine, per garantire al nostro patrimonio genetico il maggior numero di chances di sopravvivenza. Detto più precisamente: noi stessi non siamo altro che una complessa strategia dei nostri geni (sono loro a comandare la partita, non noi) per assicurarsi un posto al sole.
Ovvio che vedere incespicare malamente i geni altrui possa essere un esperienza rassicurante.
Poi però vediamo alla tivù il documentario delle marmotte che mettono a repentaglio la propria esistenza individuale per portare in salvo le proprie compagne. O (sempre alla tivù, trasmissione Ultimo minuto ) la storia del pompiere che si scapicolla giù per un burrone per recuperare un ragazzino che non gli è nemmeno parente. Geni perversi, che vogliono il bene altrui?
Si tratta invece, pare, sempre del medesimo egoismo. Anche se, a quanto pare, esistono strategie più raffinate del male per raggiungere i propri scopi. Il bene, insomma, è molto meno banale ma altrettanto plausibile del male. La bontà, ha detto autorevolmente qualcuno, è la suprema forma di intelligenza.
Non per offendere il cuore, insomma: ci vuole ben altro.
Cuore-amore. Cuore-mamma.
Eventualmente, pizza. Viva la Gente. Vogliamoci bene. Facciamoci una cantata. E dopo una bella piangiuta. E una colletta, a fine pranzo per i profughi della Bosnia. Basta che stiano a casa loro. E poi parla come mangi. E non parlare come mangi. Basta coi ladroni. Guai a chi mi tassa i Bot.
Viva l'Italia. E' quasi un programma politico.
Con la mente o con il cuore, allora? Con la mente, con la mente! E senza cuore, se il cuore è un mandolino pazzo o un violino tzigano, sottofondo musicale mentre mangiamo fish and croc e piangiamo ("Gasp. Passami il sale, per piacere".), mentre sul video scorrono le offerte speciali della settimana del macello di Sarajevo o il caso mirabolante, siore e siori, dei tre gemelli siamesi tre, operati grazie al buon cuore dei telespettatori della Ruota della Fortuna, peccato è rimasto in vita solo un femore, ma guardate che bel femore!
Con la mente o con il cuore? Con la mente, con la mente! Se il cuore non batte come un tamburo di guerra, se non è almeno il coraggio gentile di Barthleby lo scrivano, quello che diceva sempre "preferirei di no". Se non è l'ombra feconda del dubbio che fa crescere. 
Con il corpo, che è la vera mente, contro l'imperialismo del cuore. Che sa sempre qualcosa di più, che otto ore alla scrivania non ci vuole più stare, e non vuole più mangiare pesticidi e biossidi. Con la mente, finché il cuore non migrerà più a sud, in senso figurato e in senso proprio, dalle parti della pelvi.
C'è più energia lì che nel nocciolo del Superphoenix.

Advertisement