I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Mai sicuro di nulla

di Oreste Del Buono su Smemoranda 1995 - Con il cuore e con la mente

Gentile prof., mi dispiace di dirle mi sono smemorato del titolo del tema. E' il cuore e la mente, o il corpo e l'anima, la destra e la sinistra, Berlusconi e Occhetto, il Milan e l'Inter? 
E' troppo tardi per domandarle ancora una volta il titolo esatto. Del resto, non sono mai sicuro di nulla. Neppure di usare giustamente il verbo smemorare. Dice lo Zingarelli di Zanichelli: Smemoràre/zmeno'rare/(da memore con s-) A. vi. intr. io smèmoro/'zmemoro/; aus. essere).
Perdere la memoria/Est. divenire stupido, insensato. B. v. intr. pron. raro let. Dimenticarsi di tutto: non potrò mai più/smemorarmi in un grido (UNGARETTI)...
E' dura. Personalmente, non so distinguere il cuore dalla mente, mi fanno male ugualmente per difetto (se avessi più cuore o più mente, mi sentirei molto meglio); con il corpo e con l'anima, è presso a poco la stessa cosa; idem, soprattutto dopo questa campagna elettorale, con la destra e la sinistra (dipende solo dal punto da cui si guarda); quanto a Berlusconi e Occhetto, citerò la testimonianza di Berlusconi che, per fare capire i suoi rapporti con Bossi e Fini, ha detto una volta per tutte: "Io sono quello che Occhetto è tra i progressisti".
Manca la replica di Occhetto, ma chi tace acconsente.
Per la differenza tra il Milan e l'Inter non se ne parla neppure: non sono confrontabili.
Cosa si potrebbe dire in questo covo di interisti?

Advertisement